Cronaca

"Resto a casa", progetto di assistenza domiciliare per malati di Alzheimer

Obiettivo migliorare le condizioni di vita dell’ammalato e della persona che lo assiste, abbattendo l’isolamento che affligge le famiglie

Le immagini del corso

Prosegue il progetto “Resto a casa”, rivolto alle famiglie di malati di Alzheimer. Obiettivo migliorare le condizioni di vita dell’ammalato e della persona che lo assiste, abbattendo l’isolamento che affligge le famiglie che vivono la dolorosa esperienza di questa patologia. “Resto a casa” è proposto dalla Cooperativa GEA di Macerata, che da tempo si occupa di questo complesso ambito,  con il fondamentale contributo della Fondazione Cariverona. Patrocinato dalla Regione Marche e dal Comune di Ancona in collaborazione con il Distretto Sanitario di Ancona – ASUR Area Vasta n. 2, l’Associazione Alzheimer Italia Marche Onlus, lo sponsor Bookerang ed il CED Servizi.

Il numero di contatti da parte delle famiglie sinora è attorno ai 250. Di questi la gran parte è risultata essere non idonea a causa della diagnosi non relativa a demenza di Alzheimer bensì ad altre forme di deterioramento cognitivo o patologie. Quindi le domande effettivamente raccolte sono state 61 e da queste è stata poi effettuata una selezione che ha individuato le 20 famiglie che usufruiranno dell’assistenza. Contemporaneamente sono stati divulgati l’inizio e le modalità di partecipazione al corso di formazione per i professionisti che andranno a costituire l’équipe multidisciplinare.

Il corso ECM (38 crediti) gratuito “La persona con demenza al centro della cura – Focus Alzheimer” approfondisce l’approccio bio-psico-sociale; in particolare, mira sia alla comprensione delle basi neuropsicologiche della malattia ed alle cause ambientali e cognitive dei disturbi comportamentali del paziente che alla necessità del sostegno alla famiglia. Il gruppo di lavoro si compone di diverse professionalità tra cui: OSS, infermieri, logopedisti, fisioterapisti, assistenti sociali, educatori,  psicologi, farmacista. Il corso ha avuto inizio il 7 marzo 2016 e terminerà il 4 aprile 2016, prevede incontri pomeridiani con cadenza bisettimanale e si tiene presso la sede della Federfarma di Ancona. Ad aprile, parallelamente con l’avvio dell’assistenza, partirà un corso di 18 ore rivolto ai carevigers (familiare di riferimento) dei pazienti volto a dare strumenti conoscitivi e strategie di gestione della persona con Alzheimer. «E’ una delle forme di supporto alla domiciliarità rivolte in particolare a persone con Alzheimer e soprattutto ai familiari che hanno questo difficile lavoro di cura quotidiano. E’ un importante azione di sostegno» ha affermato l’assessore ai Servizi Sociali, Emma Capogrossi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Resto a casa", progetto di assistenza domiciliare per malati di Alzheimer

AnconaToday è in caricamento