Oasi Confartigianato, Filippo Borioni: «autorizzate gli operatori balneari per piccole operazioni di ripristino»

Il Presidente di Oasi Confartigianato Marche nonché titolare dei bagni 77 di Senigallia chiede alla Regione di permettere agli operatori balneari, ai loro collaboratori e dipendenti di recarsi in spiaggia per i piccoli lavori di ripristino, manutenzione in vista della prossima stagione

Oasi Confartigianato Marche scrive alla Regione: «I provvedimenti fin qui emanati dal Presidente del Consiglio e dai vari Ministeri non permettono agli operatori balneari, ai loro collaboratori e dipendenti di recarsi in spiaggia per i piccoli lavori di ripristino, manutenzione in vista della prossima stagione». Filippo Borioni, Presidente di Oasi Confartigianato Marche, esprime preoccupazione per le 170 imprese balneari rappresentate evidenziando che «Pasqua sarà la linea di non ritorno per la ripresa dei suddetti». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


A riguardo, il Presidente Borioni scrive oggi alla Regione Marche evidenziando che: «nella vicina Emilia Romagna si è autorizzata l'ultimazione dei cantieri ed è anche consentito l'accesso in spiaggia al personale, senza distinzione alcuna tra titolari, collaboratori e dipendenti, impegnato in comprovate attività di manutenzione e vigilanza». Il Presidente ha chiesto, quindi, alla Regione che anche nelle Marche si adotti quanto prima analogo provvedimento. «In tal modo - interviene Giorgio Cippitelli, Segretario di Confartigianato Imprese Marche - le imprese balneari marchigiane, quando sarà permessa l'apertura al pubblico, seppur in ritardo e probabilmente in modo parziale, saranno già pronte, altrimenti rischierebbero di perdere altro tempo per approntare gli stabilimenti balneari; per quelle con cantieri in corso, ancora più grave, significherebbe perdere la stagione. Ci auguriamo, conclude Borioni, che la Regione possa accogliere la nostra richiesta che rappresenta anche, per le imprese, una “fiammella di fiducia” per il futuro». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento