Viva Servizi, uffici aperti su appuntamento: «Pronti a ricevere chi fa richiesta»

Il direttore Moreno Clementi spiega le ragioni del provvedimento: «Decisione presa nell'interesse collettivo»

Moreno Clementi, direttore di Viva Servizi Spa

Proprio come accaduto nel periodo di lockdown, Viva Servizi ha effettuato la scelta di mantenere i propri uffici-clienti di Ancona, Chiaravalle, Fabriano, Falconara, Jesi, Moie, Senigallia e Sassoferrato aperti solo su appuntamento. La misura entra in vigore da lunedì 19 ottobre e, per effettuare la prenotazione dell’appuntamento, i clienti dovranno contattare il numero verde 800.26.26.93 (da cellulare 071.2830957). Come sempre tutte le operazioni riconducibili alla propria utenza potranno essere svolte agevolmente contattando il call center chiamando gli stessi numeri, oppure utilizzando lo Sportello Online all’indirizzo www.vivaservizi.it, via e-mail all’indirizzo info@vivaservizi.it, inviando un fax al numero 071.2893447 mentre resta attivo e garantito 24 ore su 24 il pronto intervento acqua e fognature al numero 800.18.15.77.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Si tratta ancora una volta di una decisione presa nell’interesse collettivo ma anche con la consapevolezza, risultati alla mano, che gli utenti sono serviti puntualmente e in maniera soddisfacente anche senza che rechino fisicamente agli sportelli sul territorio». A dirlo è Moreno Clementi, direttore di Viva Servizi Spa che gestisce il servizio idrico integrato servendo una comunità di 43 comuni e oltre 400 mila persone. «Ormai si susseguono gli appelli e le raccomandazioni a curare il distanziamento sociale e ad indossare la mascherina e, con il virus purtroppo ancora circolante, limitando gli spostamenti si contribuisce decisamente a ridurre le occasioni di contagio - spiega Clementi -. La nostra azienda ha consapevolmente deciso di fare la propria parte adottando questo semplice accorgimento convinta che costringere alla mobilità i dipendenti (per raggiungere il proprio ufficio) e i clienti (per andare agli sportelli) significhi sottoporli a rischi che si possono evitare ad esempio quando si prende un mezzo pubblico affollato. Per tutti i clienti che sentissero la necessità di un confronto diretto, gli operatori del call center, proporranno al cliente un appuntamento nell’ufficio di zona più vicino e li riceveremo garantendo la piena sicurezza» conclude Clementi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento