Attualità

Medici e dirigenti Marche: «I figli degli "angeli" devono tornare subito in classe»

Una lettera aperta al presidente Acquaroli e all'assessore Saltamartini del sindacato Anaao Assomed Marche

Oriano Mercante

L'associazione dei medici e dirigenti sanitari marchigiani scrive una lettera aperta al presidente della regione Francesco Acquaroli e all'assessore alla Sanità, Filippo Saltamartini. «Il sindacato Anaao Assomed Marche, riceve quotidianamente appelli accorati da parte dei propri iscritti e non solo - si legge nella nota - pensando anche a infermieri, operatori sanitari e di laboratorio, per dirimere una questione di primaria importanza. Il dpcm del 2 marzo 2021 ha stabilito la didattica a distanza per gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado senza prevedere deroghe per i figli degli operatori sanitari. Da oltre un anno questa categoria si sta prestando generosamente a svolgere la propria indispensabile opera professionale al servizio dei malati, colpiti da questa terribile pandemia. Stiamo combattendo in trincee sempre più strette ed affollate di malati». 

Il comunicato prosegue: «Li abbiamo chiamati “angeli” e ancora lo sono. A differenza degli esseri spirituali asessuati riconosciuti da varie religioni monoteiste, gli Angeli ai quali ci riferiamo, sono, oltre che professionisti coscienziosi e infaticabili, anche delle mamme e dei papà. Da qualche giorno, oltre a tutte le problematiche di tipo professionale che inficiano l’esercizio delle loro funzioni, si trovano a dover affrontare una inattesa e ingiustificabile situazione anche personale e familiare essendo moltissimi coloro che non sanno a chi affidare i propri figli minorenni che la mattina devono svolgere lezioni scolastiche a casa e non nelle aule». 

Il segretario Oriano Mercante che firma la lettera aggiunge: «Mi rivolgo al governo regionale perché sensibilizzi il Presidente del Consiglio Draghi, il Ministro Speranza e coinvolga anche le Forze Parlamentari affinché venga consentito ai figli dei medici ed operatori sanitari di rientrare in classe assieme alle categorie speciali già ammesse, almeno per i ragazzi e ragazze delle scuole primarie di primo e secondo grado. Per le categorie di lavoratori si è parlato di congedi parentali, di smart working, misure ovviamente non applicabili per gli “Angeli del Covid” a meno di non sguarnire un esercito già esiguo che non ha bisogno di essere ulteriormente fiaccato nel morale dalla frustrazione di vedere negato un diritto che appare legittimo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medici e dirigenti Marche: «I figli degli "angeli" devono tornare subito in classe»

AnconaToday è in caricamento