Turismo culturale, Sanzio e le Marche protagonisti alle Scuderie del Quirinale

In diretta streaming, visita alla mostra “Raffaello 1520-1483” e presentazione delle monete celebrative per il 500° anniversario della morte dell’artista

La diretta streaming dalle Scuderie del Quirinale

Si è svolta ieri la diretta streaming dal titolo #Turismo culturale e sostenibile: Raffaello Sanzio e le Marche, #IoViaggioItaliano, promossa da Regione Marche, Fondazione UniVerde, Scuderie del Quirinale e Svim-Agenzia di Sviluppo della Regione Marche, con il supporto di Automobile Club d’Italia. Il 2020 è l’anno delle celebrazioni del 500° anniversario della morte di Raffaello Sanzio, artista poliedrico che ha mosso i suoi primi passi nelle Marche, in particolare a Urbino, sua città natale. Autore di capolavori rari e preziosi, fu un punto di riferimento fondamentale nella Roma di Papa Giulio II prima e di Papa Leone X dopo, chiamato a contribuire con le sue opere al rinnovamento artistico della Città Eterna, dove fu punto di riferimento per artisti, antiquari e poeti.

La diretta, in collegamento dalle Scuderie del Quirinale, si è svolta in occasione della mostra “Raffaello 1520-1483” che i rappresentanti dei soggetti promotori hanno potuto apprezzare all’interno dell’area museale, visitando le oltre 200 opere provenienti dalle più importanti collezioni internazionali, introdotte da Mario De Simoni, presidente di Ales - Scuderie del Quirinale. L'evento è stato occasione per rilanciare #ioviaggioitaliano, la campagna per incentivi e attivismo civico a favore del turismo in Italia, promossa da Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione UniVerde, e dall’inviato di Striscia la notizia, Jimmy Ghione. «Il turismo culturale può essere un esempio di sostenibilità e di rilancio per un settore in grave crisi - ha detto Pecoraro Scanio -. Le Marche, da questo punto di vista, possono dare un segnale positivo incentivando il turismo nelle aree interne e nei borghi, che può permettere di estendere le aree visitate e i periodi di vacanza. La mostra su Raffaello, che abbiamo apprezzato e le splendide monete coniate dalla Zecca, presentate oggi all'evento, sono un contributo eccezionale al rilancio della cultura come grande volano di attrazione verso il nostro Bel Paese». Luca Ceriscioli, governatore della Regione Marche, ha dichiarato: «Il turismo esperienziale è la tipologia di visita di cui noi ci facciamo portavoce, quella che permette al visitatore la scoperta di piccole realtà con le loro preziose bellezze dal punto di vista storico, artistico, architettonico e paesaggistico. Le Marche sono un territorio privilegiato, a partire dai numerosi borghi e dai musei che custodiscono un ricco ed eterogeo patrimonio. Un’inestimabile risorsa che fa conoscere, in sicurezza, a tutti i turisti la cultura, le tradizioni e l’identità di una regione che si estende dagli Appennini al mare».

Gianluca Carrabs, amministratore unico di Svim-Agenzia di Sviluppo della Regione Marche, ha spiegato: «Abbiamo voluto rilanciare la campagna #ioviaggioitaliano, declinandola anche in #ioviaggiomarchigiano. Quello che proponiamo è un modello di sviluppo integrato per l’economia delle Marche e, soprattutto, del suo entroterra, tramite il turismo outdoor. Un prodotto turistico legato all’ambiente e alla cultura del territorio, favorendo l’incremento di posti di lavoro, il ripopolamento dei borghi e una forte destagionalizzazione dell’offerta. L’obiettivo è quello di favorire una veloce ripresa post Covid di tutto il comparto turistico regionale». Per Mario De Simoni, presidente di Ales-Scuderie del Quirinale, «L’Italia deve ripartire puntando sulle proprie eccellenze come l’arte, la bellezza e il paesaggio. Con la riapertura della mostra dedicata a Raffaello il 2 giugno, in coincidenza con la Festa della Repubblica, abbiamo voluto dare questo segnale. E il pubblico lo ha accolto con entusiasmo facendo registrare il tutto esaurito sin dal primo giorno. L’anniversario dei 500 anni dalla morte del grande pittore è un evento che ci invita a ricordare l’eccezionalità del talento italiano ed è fondamentale che tutto il Paese, con le sue realtà più importanti come l'Istituto Poligrafico, la Zecca dello Stato e la Regione Marche che ha dato i natali a Raffaello, si unisca nel celebrare questa straordinaria ricorrenza».

Nel corso dell'incontro si è tenuta la presentazione delle monete in oro e in argento realizzate dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato per il 500° anniversario della morte di Raffaello Sanzio, con l’intervento dell’ingegner Matteo Taglienti: «Siamo orgogliosi di questo omaggio a Raffaello, uno dei più grandi artisti del Rinascimento italiano - ha detto -. La grandezza del suo genio si può apprezzare anche dalla grande qualità artistica del lavoro dei nostri maestri incisori. Sul dritto delle monete è rappresentato l’autoritratto del grande artista urbinate, conservato alle Gallerie degli Uffizi di Firenze, il rovescio riporta un particolare dell’affresco Scuola di Atene». All’evento, trasmesso in diretta streaming sulle pagine Facebook della Fondazione UniVerde e di Svim, è intervenuto anche Gerardo Capozza, segretario generale di Aci-Automobile Club d’Italia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

Torna su
AnconaToday è in caricamento