Attualità

Gimbo da Cattelan: «Il segreto della mia vittoria? Focalizzarmi sul momento»

Gianmarco Tamberi ospite allo show di Rai 1 "Da Grande". Ha parlato delle olimpiadi di Tokyo 2020 ma anche delle tante difficoltà vissute fino a quel momento

Gioie, vittorie ma anche delusioni e lacrime: ieri sera Gianmarco Tamberi è stato ospite da Alessandro Cattelan nello show su Rai 1 "Da Grande". Gimbo si è lasciato andare ad una simpatica intervista raccontando particolari inediti della sua carriera. «Sono stati cinque anni infiniti - ha detto Gimbo - alla rincorsa di questa olimpiade e con problemi piuttosto gravi da affrontare. Adesso ho bisogno di fermarmi e di riposare, dopodomani parto per le vacanze». 

Incalzato dalle domande di Cattelan ha proseguito: «Nel salto in alto dobbiamo essere leggeri. In periodo gara di solito sono 11 chili sottopeso. Nella settimana della competizione arrivo a bere un bicchiere d'acqua al giorno. Anche i liquidi, infatti, possono essere un problema e pesare sul risultato del salto».

Il presentatore ha chiesto a Tamberi dei minuti subito dopo la performance olimpica dove ha superato i 2 metri e 37 e che gli è valsa la medaglia d'oro. «Ho aperto Instagram ed era esploso - ha commentato l'atleta - sono passato da 150mila follower a 400mila in due ore. Ci ho sempre tenuto a raccontarmi sui social e condividere tutte le mie difficoltà. E' stato incredibile vedere quanto è cambiata la mia vita. Solo negli ultimi dieci giorni ho conosciuto Zanetti, Del Piero, Hamilton, Bolt».

Spazio anche alla vita privata: «Con Chiara ci sposeremo il prossimo anno ma dobbiamo capire quando. Siamo stati travolti da quanto accaduto negli ultimi mesi e dagli impegni, ma pensarà a tutto lei. Non ho mai nascosto le difficoltà, pianti e paure incluse. Sono sempre stato empatico e questa umanità secondo me alla fine arriva alla gente. C'è quella parte estrosa di me che viene fuori ma c'è qualcosa di più complesso dietro. Questi look stravaganti, i capelli verdi e la barba a metà, sono sempre usciti da periodi di difficoltà proprio perché volevo spronarmi in qualche modo a fare sempre di più e sempre meglio. O facevo una figuraccia o andavo bene». Ha concluso la chiacchierata con Cattelan citando il suo storico mental coach Luciano Sabbatini, sassoferratese che segue Gimbo da decenni. «Non ci sentiamo tutti i giorni - dice - ma quando ho bisogno lui c'è. Durante le olimpiadi mi ha dato tanti consigli importanti per affrontare la gara finale. Dovevo focalizzarmi sul momento e parlare ad alta voce di quando mi allacciavo le scarpe o di quando entravo in pedana e sì, anche di quando sono andato in bagno prima della finale!».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gimbo da Cattelan: «Il segreto della mia vittoria? Focalizzarmi sul momento»

AnconaToday è in caricamento