rotate-mobile
Attualità Rione degli archi / Via Guglielmo Marconi

La breve (e triste) storia della ciclabile degli Archi: «Aperta senza conformità, mai usata e ora distrutta»

Fratelli d'Italia Ancona: « Così vengano mandati in fumo i 40 mila euro utilizzati per realizzarla»

ANCONA - «Breve storia triste, quella della pista ciclabile degli Archi. Più volte resa impercorribile, aperta senza conformità al codice della strada, quasi mai usata, fonte di problemi per il trasporto locale e i commercianti della zone e adesso distrutta». Parole del Gruppo consiliare Fratelli d'Italia Ancona (Marco Ausili- Maria Grazia De Angelis - Angelo Eliantonio) affidate a un comunicato. La questione è quella della pista degli Archi, nata già come come soluzione temporanea.

«Peccato però che così vengano mandati in fumo i 40.000 euro utilizzati per realizzarla- continua la nota- un'altra occasione di spreco di risorse pubbliche operata da questa Amministrazione. E la riprova della totale assenza di una visione complessiva sulla mobilità cittadina. Continueremo a dialogare con il territorio per costruire insieme una mobilità e una viabilità cittadina all'altezza: revisione totale delle politiche sulla sosta in centro, con più parcheggi e sospensione pagamento strisce blu in pausa pranzo, nuove valutazioni sulla stazione marittima e su una metropolitana di superficie, efficientamento collegamento tra stazione ferroviaria e centro città».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La breve (e triste) storia della ciclabile degli Archi: «Aperta senza conformità, mai usata e ora distrutta»

AnconaToday è in caricamento