rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Attualità

La ripartenza con lo sport: tanta gente in tribuna per giovani e dilettanti

Le presenze sui campi di casa nostra testimoniano la ripartenza attraverso lo sport. E la stagione calda potrebbe aiutare ancora

ANCONA- La ripartenza, la voglia di normalità e di lasciarsi alle spalle gli ultimi duri anni di Covid possono essere analizzati in vari modi. Uno di questi, inerente allo sport, è sicuramente quello legato al dato delle presenze sugli spalti per le partite che coinvolgono giovani e dilettanti. Attualmente la capienza degli impianti è di 75% all’aperto e 60% al chiuso ma l’auspicio è che, con l’arrivo della stagione calda, si possa raggiungere ben presto il massimo della capienza:

«Ho riscontrato entusiasmo – ha spiegato Piero Medini della Junior Calcio Ancona – Qui al Paolinelli si giocano tante partite, giovani e non solo. I dati degli spettatori sono in aumento, forse più nelle prime squadre che nei ragazzi ma sostanzialmente è uguale. Detto che quest’ultima non è una regola fissa, ad esempio i nostri allievi che vanno forte in classifica». Sulla stessa linea d’onda Diego Franzoni della Giovane Ancona: «Speriamo che non ci si dimentichi che l’emergenza non è ancora finita. Sicuramente nelle scuole calcio, nei settori giovanili in generale c’è più voglia di ripartire e più voglia di tornare a vedere le partite. La battaglia non è finita ma siamo sulla buona strada, speriamo che con l’avvento della bella stagione le cose possano ulteriormente migliorare».

Un altro parere utile è quello di Marco Gnocchini, presidente di Estra Prometeo vicinissime a tante realtà sportive cittadine: «Giorni fa mi sono trovato ad assistere a Portuali-Osimana di Promozione. Quando si affrontano la prima e la terza in classifica i contenuti sono già alti ma in questo caso ciò che è più importante è il messaggio con tanta gente sugli spalti al Giuliani di Torrette. Ho visto tanta gente sugli spalti, tanto entusiasmo ritrovato e i meriti vanno sicuramente alle società che hanno superato un difficile momento per proseguire con impegno la pratica sportiva. In questi casi, ripeto, la partita passa in secondo piano è veramente appagante rivedere gioia e felicità intorno al pallone di casa nostra. Speriamo che le cose possano andare sempre meglio».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La ripartenza con lo sport: tanta gente in tribuna per giovani e dilettanti

AnconaToday è in caricamento