menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il corso

Il corso

Bere in maniera consapevole, si chiude il corso per assaggiatori di "Grappa e acquaviti"

Il primo cittadino e il rappresentante dell’associazione “Rose bianche sull’asfalto” all’ultima lezione organizzata dall’Associazione nazionale assaggiatori Grappa e acquaviti

SENIGALLIA -  Una lezione sul “bere in maniera consapevole”, stando attenti alla qualità piuttosto che alla quantità, ha chiuso il corso di primo livello per diventare assaggiatori di Grappa e acquaviti organizzato per la prima volta a Senigallia da Anag, associazione nazionale assaggiatori Grappa e acquaviti. L’appuntamento ha visto la partecipazione di Massimo Olivetti, sindaco di Senigallia, e dell’avvocato Corrado Canafoglia, presente in rappresentanza dell’associazione “Rose bianche sull'asfalto”, nata alcuni anni fa in ricordo di Francesco Saccinto, il ragazzo di 14 anni ucciso a Corinaldo nel settembre 2013 da un uomo alla guida del proprio autocarro in stato di ebbrezza e senza patente. Fin dalla sua costituzione, l’associazione promuove iniziative in tutta Italia per sensibilizzare i giovani sull’uso e sull’abuso di sostanze stupefacenti e alcol quando si è alla guida di mezzi. Un obiettivo che ben si sposa con la cultura del buon bere consapevole che l’associazione Anag promuove da oltre 40 anni in tutta Italia attraverso corsi, iniziative e serate di degustazione per far conoscere da vicino il mondo dei distillati e la loro corretta degustazione.

Il corso per assaggiatori organizzato da Anag si è svolto nel pieno rispetto delle norme anti Covid-19 e ha visto la partecipazione di 32 persone divise in lezioni e location diverse: il Ristorante “Il Capitano”, a Senigallia, e l'”Osteria sul Lago” a Trecastelli. L’iniziativa ha proposto cinque lezioni settimanali dedicate ai principi dell’assaggio coinvolgendo vista, olfatto, retrolfatto e gusto; alle origini e alle norme di produzione di grappa e acquaviti d’uva e alle tecniche di distillazione che rendono unica la grappa, acquavite 100 per cento italiana. Ogni lezione è stata condotta da relatori Anag - coordinati da Massimo Tortoioli Ricci di Anag Umbria e da Marco Bellagamba, referente Anag per la zona - e si è chiusa con la degustazione guidata di alcune grappe. Il corso di primo livello prevede la consegna di un attestato di partecipazione ed è propedeutico all’accesso ai corsi Anag di secondo livello, chiusi da un esame finale per il rilascio della patente di assaggiatore. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Acquaroli firma l'ordinanza: 5 comuni marchigiani in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento