Mercoledì, 29 Settembre 2021
Attualità

Addio Svim nasce la Svem, Baiocchi: «Chiudiamo con il passato, sarà un hub di riferimento»

Approvata la proposta di legge della Giunta regionale. Tra gli obiettivi quello di elaborare e attuare progetti di sviluppo territoriale diventando un punto di riferimento e intercettando i bandi europei

Via libera alla proposta di legge ad iniziativa della Giunta regionale che sostituisce la società Svim con la Svem, Sviluppo Europa Marche Srl. Tra i promi a commentare, dopo il voto favorevole dell'assemblea legislativa, il consigliere di Fratelli d’Italia Nicola Baiocchi, relatore di maggioranza della legge: «Si introducono novità sostanziali nell’ambito di tutte quelle attività che potranno essere svolte a favore degli enti locali della regione Marche. Non si tratta di una semplice ridenominazione della Svim (Società Sviluppo Marche) con la Svem (Sviluppo Europa Marche), bensì di una scelta utile per rafforzare l’assetto societario, per accrescere le potenzialità degli enti locali che potranno essere affiancati dalla stessa Svem per tutte quelle attività che richiedono conoscenze e competenze dei quali sono sprovvisti». 


«I soci potranno procedere, secondo il testo della legge, con assegnamenti diretti e la Regione dovrà prioritariamente affidare l’attività di assistenza tecnica alla Società. Questa disposizione genererà un notevole aumento del fatturato Svem per le commesse regionali alle quali vanno aggiunti gli eventuali affidamenti degli altri enti pubblici interessati. Una delle nuove mission della società Sviluppo Europa Marche srl sarà quello di avvicinare e ridurre lo spazio di intervento fra la stessa e tutti quei soggetti che cercavano un confronto diretto con la Regione Marche e che, come avveniva in passato, non ci riuscivano. Ora, con l’approvazione della PdL, invece, la Svem diventa uno dei soggetti deputati per favorire il dialogo, candidandosi come un punto di riferimento utile e necessario per perseguire obiettivi che prima sembravano fuori dalla loro portata. Tanto più per quel che riguarda i finanziamenti europei che sempre di più saranno importanti per lo sviluppo regionale. Come maggioranza di centrodestra crediamo fortemente in una Svem diversa dal passato e da una gestione che, di fatto, non ha prodotto gli effetti sperati. Senza voler approfondire troppo il discorso, da questa radicale riforma della società Sviluppo Europa Marche ci attendiamo che diventi un hub al quale tutti gli Enti sappiano di poter contare per i progetti che intendono sviluppare nei territori. Ecco – conclude il consigliere di Fratelli d’Italia, Nicola Baiocchi – chiudiamo con il passato e guardiamo al futuro, certi che la Svem possa giocare un ruolo da protagonista, finalmente». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio Svim nasce la Svem, Baiocchi: «Chiudiamo con il passato, sarà un hub di riferimento»

AnconaToday è in caricamento