Lardini, parla coach Bellano: «Bella prova, ora sotto con il lavoro»

Non accadeva da sei anni alla Lardini di raccogliere il massimo in una doppia trasferta, successi utili a far incrementare ulteriormente il livello di convinzione della squadra

La Lardini esulta a Brescia

A Brescia come a Soverato, la Lardini semina e raccoglie. Gioco, concretezza, personalità, quanto di meglio si possa chiedere ad una squadra che supera un altro insidioso ostacolo e conquista la settima vittoria consecutiva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Abbiamo disputato una bella partita – confessa a fine partita coach Massimo Bellano, mentre i tifosi cantano il suo nome –, sapevamo che sarebbe stato difficile affrontare un Brescia che difende tanto e bene, la migliore squadra affrontata finora in questo fondamentale. Bravi noi a non innervosirci troppo quando la palla non cadeva subito a terra. Abbiamo fatto un buon lavoro a muro, riuscendo a toccare molti palloni, rigiocando bene e limitando le loro attaccanti. Siamo contenti per aver superato questo doppio turno esterno portando a casa sei punti, molto pesanti». Non accadeva da sei anni alla Lardini di raccogliere il massimo in una doppia trasferta (3-1 a San Casciano e 3-0 ad Ancona, torneo di B1), successi utili a far incrementare ulteriormente il livello di convinzione, anche se «di consapevolezze già ne avevamo. Dobbiamo continuare a migliorare, imparare a mascherare meglio le difficoltà. E’ vero che sette partite sono ancora poche per avere quella continuità che piace a me». Bastano pochi minuti per proiettare i pensieri al domani, con un calendario che non concede tregua e che nelle prossime quattro partite metterà la Lardini di fronte alle quattro squadre che la seguono in graduatoria (nell’ordine: Settimo Torinese e Trentino in casa, Olbia in trasferta e Legnano sul campo amico) prima del confronto esterno di Pesaro del 26 dicembre. «Ora sotto con il lavoro – conclude coach Bellano –, abbiamo la necessità di recuperare energie perché nel prossimo mese servirà avere benzina».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento