Primo Piano Festival ok, l'impegno del Comune: rendere permanenti alcuni eventi

Protagonisti lo street food con le tantissime tavolate sempre affollate e la musica, presente nei suoi vari generi sui palchi allestiti in più punti

Mahmood in concerto

Si è concluso ieri notte il Primo Piano Festival, la manifestazione organizzata dall’amministrazione comunale che, nell’arco di tre giorni ha trasformato il quartiere di Piano san Lazzaro in un grande palcoscenico dove gli anconetani hanno trascorso le serate, specialmente in occasione della Notte Bianca e del concerto di Mahmood. I numeri? Sabato sera erano 20mila le persone che hanno affollato ogni spazio del quartiere, da corso Carlo Alberto fino ai giardinetti, ad una parte di piazza Ugo Bassi, alla piazza antistante il mercato e i suoi spazi interni, fino a piazza d’Armi e piazzale Loreto.

Protagonisti lo street food con le tantissime tavolate sempre affollate e la musica, presente nei suoi vari generi sui palchi allestiti in più punti ma anche la danza nelle sue varie espressioni, il cinema, il teatro, la cultura e la solidarietà che hanno trovato spazio in alcuni appuntamenti molto interessanti ieri pomeriggio, dall’incontro con l’associazione Medici Senza frontiere a quello con il regista Gianluca Bianco, che ha condotto una conversazione sull’arte del cambiamento e proiettato un suo documentario girato a Palermo dedicato a Federico, imperatore colto e illuminato nato nelle Marche, dotato di visione multiculturale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento del sindaco Mancinelli 

«Un bilancio assolutamente e indiscutibilmente positivo, quello del Primo Piano festival - ha commentato il sindaco Mancinelli - grazie alla collaborazione di un ampio numero di persone, dai residenti alle associazioni dei commercianti e a quelle del volontariato. Per tre intensi giorni i riflettori sono stati accesi su questo quartiere ma la cosa non finisce qui: nelle nostre intenzioni, oltre a confermare il festival come evento annuale, la volontà di tradurre in appuntamenti fissi quelli che sono stati proposti in questi tre giorni. Un esempio é il mercatino di Corso Carlo Alberto, come anche dare seguito al progetto di utilizzare il mercato, vero cuore del quartiere, anche come sede di incontri serali e notturni così da trasformarlo in una casa per tutti». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, malore mentre si trova in acqua: muore un 69enne

  • Addio Tiziana, sconfitta da un male spietato: una vita dedicata al suo ristorante

  • Cadono calcinacci dalla galleria, torna regolare la viabilità sulla Statale 16

  • Ladri scatenati, scappano con oro e Rolex: i residenti scendono in strada armati

  • Crolla una parte del controsoffitto dopo il temporale, la palestra chiude

  • Racconto-choc di una bimba in spiaggia: «Volevano rapirmi». Indagini in corso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento