Martedì, 28 Settembre 2021
Politica

Mobilità pubblica: i cittadini di Ancona propongono una petizione online

Un gruppo di cittadini ha preparato una petizione per chiedere all'Amministrazione "di attivarsi per realizzare una mobilità pubblica, pedonale, ciclabile che sia ecosostenibile, etica, sana e rispettosa di tutti gli utenti"

Un gruppo di cittadini anconetani, su proposta di Daniele Ballanti, si sono attivati chiedere all’Amministrazione “di attivarsi per realizzare una mobilità pubblica, pedonale, ciclabile che sia ecosostenibile, etica, sana e rispettosa di tutti gli utenti della strada”.
Lo hanno fatto attraverso una petizione che stanno diffondendo online, ecco un riassunto delle principali richieste:

TRASPORTO PUBBLICO:

- reintrodurre la corsa serale della linea 1/4 delle ore 0,35 recentemente soppressa garantendo i collegamenti centro-stazione-quartiere universitario di Tavernelle fino all’1.00, sia feriali che festivi;
- reintrodurre adeguate corse delle linee extraurbane, ora soppresse, per quartieri Torrette – Collemarino e Comuni di Falconara - Chiaravalle, garantendo i collegamenti almeno fino alle 23,30 dei giorni feriali (ora ridotti alle 22.30) e dalle 7 alle 23 nei giorni festivi (ora ridotti dalle 8 alle 21);
- fermare il piano dei prossimi tagli insistendo sull’eliminazione degli sprechi lasciati intatti
- Almeno il 20% della flotta circolante deve essere costituita da filobus moderni, silenziosi, “puliti” e funzionali, investendo risorse per scelte ecosostenibili;
- metropolitana di superficie sulla direttrice: stazione d’Osimo-Camerano IKEA-Ancona Centri commerciali-Ancona Stadio-Ancona Passo Varano-Ancona Valle Miano-Ancona stazione centrale-Ancona marittima-Ancona Torrette-Ancona Palombina-Falconara e Falconara Stadio-Chiaravalle-Iesi e marina di Montemarciano-Marzocca-Senigallia
- istituzione di un nuovo anello di corsie preferenziali tra Stazione-Archi-Centro-Martiri della Resistenza-via G.Bruno, per aumentare la velocità commerciale dei bus e rendere il servizio più appetibile
- semafori sincronizzati per dare la precedenza ai mezzi di trasporto collettivi;
- intensificazione della lotta all’evasione dei titoli di viaggio

MOBILITA’ PEDONALE E CICLABILE:

- difesa e salvaguardia dell’isola pedonale e ZTL del centro storico da “invasioni” abusive di auto
- istituzione di nuove ZTL nel centro storico – Guasco, San Pietro e Capodimonte – con entrata solo dei residenti e installazione di varchi elettronici per il controllo
- istituzione di “zone 30″ (per la moderazione del traffico a massimo 30km/ora per una migliore convivenza tra auto, biciclette e pedoni) in zone, tipo corso Amendola, sede di parchi commerciali naturali;
- istituzione di piste ciclabili, politiche di incentivo all’uso delle biciclette
- campagne di sensibilizzazione per incentivare una sana mobilità pedonale (es. Piedibus)
- stop ad ulteriori parcheggi e ai parcheggi gratis in centro, nella zona centrale compresa dentro le gallerie, perché attraendo automobili si vanno ad annullare gli effetti delle politiche di lotta all’inquinamento;
- parcheggi scambiatori fuori dal centro dedicati, veloci e frequenti; uno in zona Vallemiano e uno in zona portuale-Scalo Marotti, adeguatamente collegati da bus
- parcheggi pertinenziali in centro per liberare le strade da parcheggi e destinarle a corsie preferenziali per bus e piste ciclabili e parcheggi per scooter e biciclette
- promozione dei parcheggi pubblici anche mettendo a disposizione biciclette elettriche e biglietti bus a tariffa vantaggiosa
- lotta al parcheggio abusivo e deturpante e alla sosta selvaggia in piazze

Per leggere l’elenco completo e firmare la petizione si può accedere direttamente al sito
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità pubblica: i cittadini di Ancona propongono una petizione online

AnconaToday è in caricamento