Sisma, Terzoni (M5S): «Pd fa pagare i propri litigi ai terremotati»

E' quanto afferma, in una nota, la portavoce del Movimento 5 Stelle presso la Camera dei Deputati On. Patrizia Terzoni

Patrizia Terzoni

«Lo sfogo di Errani di stamattina oltrepassa ogni frontiera del ridicolo. Il commissario straordinario ora si batte i pugni sul petto e dice che non si sta procedendo con le casette perché ancora non si sa quante ne servono, che la faccenda delle Soluzioni abitative d’emergenza non riguarda lui che è a capo della struttura per la ricostruzione, la quale però è completamente ferma. Tutte cose che già sappiamo, che denunciamo da mesi. Errani scopre l’acqua calda. Detto ciò è alquanto sinistro questo sfogo nella settimana in cui tutti i giornali scrivono che l’ex governatore dell’Emilia Romagna si appresta a mollare il PD, proprio quel partito che gli ha appioppato la patata bollente del post-sisma. Sia chiaro: i suoi problemi con il PD non si devono ripercuotere sui terremotati ed è indispensabile un chiarimento con il Presidente del Consiglio Gentiloni». E’ quanto afferma, in una nota, la portavoce del Movimento 5 Stelle presso la Camera dei Deputati On. Patrizia Terzoni.

«Questa dichiarazione porta però finalmente alla luce che questa fase emergenziale è gestita dalla Protezione Civile in tutta la sua scala gerarchica, nazionale regionale e comunale. Curcio perché non risponde? Perché regioni e comuni sono in fortissimo ritardo sull'individuazione dei terreni per la costruzione delle SAE ed il numero dei moduli da istallare? Sono tutte domande che abbiamo posto in una interrogazione depositata un mese fa. Capiamo la difficoltà di molti piccoli centri, ma un po' meno le giunte regionali, lentissime nel far seguito a tutti questi adempimenti. I cittadini hanno bisogno di fatti e senza questi primi tasselli non si può passare alle fasi successive. Se si è in difficoltà basta ammetterlo. C'è un decreto in fase di conversione e possiamo porre li dei rimedi per aiutare concretamente a portare a termine questa importantissima e indispensabile fase. A patto però che tutti si prendano le proprie responsabilità e che scaramucce correntizie di partito non abbiano la priorità sulla vita di chi ha perso la casa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento