Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica Chiaravalle

Bacheca Cgil in frantumi, Rifondazione denuncia raid fascista ma era una pallonata

Il vetro rotto e il sospetto del partito di un blitz squadrista contro la campagna "Mai più fascismi" ma lo stesso sindacato frena. Il sindaco: «Fretta cattiva consigliera»

La mortadella è comunista, il prosciutto è democristiano. Lo sosteneva Francesco Nuti nel film "Caruso Pascoski, di padre polacco" non immaginando certo che, a Chiaravalle, la pallonata potesse diventare fascista. Una svirgolata in particolare: quella di un bambino che, giocando con gli amici, anziché centrare la porta, ha mandato in frantumi la bacheca Cgil in piazza Risorgimento. Tanto è bastato – e magari può aver tratto in inganno la circostanza che la stessa portasse appeso un manifesto della campagna "Mai più fascismi" – per innescare nel piccolo centro sull'Esino una mini bagarre politica con tanto di prese di posizioni e comunicati, in poche ore smentiti dalla stessa Cgil e dal sindaco Damiano Costantini. Il primo a denunciare il fatto è stato l'ex vicesindaco Antonio Moscatelli. Poi è stata la volta dell'Anpi. Rifondazione Comunista, infine, ha parlato di «gesto sicuramente voluto visto che nessun’altra delle bacheche vicine ha subito alcun danno».

A quanto sembra, invece, l'unica testimonianza è che il bimbo autore del gesto non ha la mira di un Cristiano Ronaldo. Forse la affinerà con il tempo, chissà. Vedremo. Nell'attesa, con il passare delle ore, è stata la stessa Cgil a frenare mentre il sindaco Damiano Costantini ha parlato di «futili polemiche e allarmi. La fretta, soprattutto nel giudizio (oltre che nel calciare palloni) è cattiva consigliera. L’urgenza di denunciare serpeggianti e violenti fascismi ha fatto dimenticare agli autori che i fatti vanno prima verificati e poi commentati». Sempre secondo il sindaco il papà del baby calciatore si è già presentato pronto a ripagare il danno. «L’antifascismo è un valore sancito nella nostra Carta Costituzionale che va perseguito attraverso l’educazione e la consapevolezza e non va sbandierato o (peggio ancora) cavalcato per ottenere visibilità e consenso. Per fare in modo che Chiaravalle sia sempre migliore servono educazione, rispetto e responsabilità, così come ha dimostrato il papà di questo bambino» ha concluso Costantini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bacheca Cgil in frantumi, Rifondazione denuncia raid fascista ma era una pallonata

AnconaToday è in caricamento