Ospedali unici, Castelli ribadisce il "no": «Decisione di tutta la Giunta»

L'assessore al Bilancio della Regione Marche ribadisce la scelta: «E' stata presa in coerenza con la campagna elettorale»

Guido Castelli

In merito al dibattitto di ieri in consiglio regionale sulla disattivazione del piano per gli ospedali unici l’assessore al Bilancio Guido Castelli sottolinea che: «Il no agli ospedali unici nelle Marche è stata una scelta condivisa da tutta la giunta presieduta dal presidente Acquaroli che la scorsa settimana ha avviato l’iter per l’approvazione del nuovo piano sociosanitario».

Lo stop ai project financing, continua Castelli: «ha rappresentato una decisione ponderata e maturata dopo un costante e approfondito confronto con i territori. La strategia prevede un’accurata analisi dei fabbisogni e una necessaria rivisitazione della scelte sulla rete ospedaliera operate dalla precedente giunta , con la massima attenzione a non sguarnire i territori, ma anzi con la ferma volontà di potenziare i servizi. In particolare per quanto riguarda la provincia di Ascoli Piceno verranno mantenuti i due presidi di Ascoli e San Benedetto del Tronto valorizzando - con un approccio strategico -  quei percorsi di integrazione in grado di migliorare le attività delle due strutture. Lavoreremo inoltre per  dare a quella che è una area vasta di confine,  gli strumenti necessari in termini di risorse e personale per lavorare al meglio superando quella condizione di marginalità in cui ha versato per troppo tempo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento