rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Politica

Ovazione alle Muse per Elly Schlein e Simonella lancia la sfida alla destra: «Conquistare Ancona? Non saremo la vostra medaglietta»

Il segretario nazionale dem "incorona" la Simonella. La candidata: «La destra vuole liberare Ancona? E' già successo 78 anni fa, è grazie quel giorno che si vota liberi»

ANCONA - Si è aperto con il minuto di silenzio Ricordo Tommaso Della Dora, il segretario dem di Fano stroncato da un Malore. Si è chiuso con il selfie spalle al pubblico che ha gremito il teatro delle Muse. Il pomeriggio di Elly Schlein, segretaria Pd, ad Ancona è stato accompagnato dall'ovazione dei circa 1200 presenti. Prima un passaggio al ridotto, per incontrare la stampa, poi sul palco del proncipale teatro anconetano accompagnata dalla segretaria regionale Chantal Bomprezzi e da Ida Simonella, candidata sindaca per il centrosinistra alla quale ha lanciato la volata per le comunali del 14 e 15 maggio. La Shlein ha ringrazianto anche Valeria Mancinelli, sindaco uscente, presente in sala. Poi ha "incoronato" la Simonella: «E' una persona concreta, determinata e che sa ascoltare la comunità. Ascoltare non è mai tempo perso». 

«Il nemico è la destra»

E' stata la Bomprezzi ad aprire il comizio, sottolineando quello che è stato uno dei fili conduttori di tutto il pomeriggio: «L'avversario è la destra». Quella destra che, ha detto la Bomprezzi «ha purtroppo conquistato la Regione ma sta facendo vedere tutte le sue contraddizioni» e che «non si è fatta vedere nei luoghi del ricordo come il 25 aprile, un dato preoccupante perché da quell'appuntamento è nata la nostra Costituzione». 

«Non saremo la loro medaglietta»

Poi è stato il turno di Ida Simonella: «La destra dice che vuole conquistare e liberare Ancona, ma la città ha 2400 anni e non ha mai fatto guerre di conquista. E' stata anzi già liberata, ma 78 anni fa dal nazifascismo e da allora siamo liberi di votare». Città, rincara la candidata «che non è la testa di un orso da appendere alla parete né una medaglietta da mettere sul petto e non ci facciamo conquistare per quattro spicci che arrivano dal governo». Poi il programma, sviscerato a partire dall'importanza del Pnrr: «Abbiamo la possibilità di calare 80 milioni di euro di investimenti- ha detto la Simonella- e tutti quei progetti dicono che la città verrà rigenerata e trasformata». Citazioni per il nuovo Mercato delle Erbe, biblioteca che verrà vissuta anche la notte ma anche una mobilità rivoluzionata da autobus elettrici e l'efficientamento energetico tra cui quello per lo stesso teatro delle Muse. 

«E' difficile fare il sindaco quando mandlca l'attenzione del governo nazionale- ha poi detto la segretaria nazionale dem- sugli enti locali non sono state messe risorse dal governo Meloni. Le aspettative sono tante nei confronti di un sindaco e le risorse non sempre disponibili, quindi l'amministratore locale deve richiamare i livelli superiori di governo e non è semplice». Chiusura sulle priorità a livello nazionale: sanità pubblica da riformare con una maggiore presenza nei territori con investimenti nelle case di comunità e sulla salute mentale «la quale è ancora un tabù». Poi la trasformazione digitale: «che se non supportata da giuste politiche crea sfruttamento come nel caso dei lavoratori delle piattaforme digitali», ma anche sostenibilità attraverso l'istituzione delle comunità energetiche

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ovazione alle Muse per Elly Schlein e Simonella lancia la sfida alla destra: «Conquistare Ancona? Non saremo la vostra medaglietta»

AnconaToday è in caricamento