Marche Nord e Covid-19, la Pergolesi vuol verificare il numero dei sanitari contagiati e deceduti

Interrogazione della consigliera regionale per conoscere il numero dei contagiati, dei decessi, nonché i protocolli di sicurezza seguiti nel pesarese

Romina Pergolesi

ANCONA - «Quanti contagi sono stati registrati fra il personale sanitario a Marche Nord? E i decessi? Quali protocolli di sicurezza sono stati seguiti?». Sono alcuni dei quesiti che la consigliera regionale Romina Pergolesi pone al presidente Luca Ceriscioli. E riguardano tutti la gestione dell'emergenza da parte dell'azienda sanitaria operante nel pesarese, dove la pandemia ha causato purtroppo innumerevoli sofferenze e molteplici vittime. Un'interrogazione per fare ulteriore chiarezza, programmata per la discussione in Assemblea Legislativa domani, 9 luglio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«I documenti regionali esistenti relativi alle pandemie – spiega Pergolesi - illustravano con sufficiente precisione i rischi che una pandemia avrebbe comportato in termini di impatti sulla cittadinanza, sugli operatori sanitari e sull’impegno delle strutture sanitarie, evidenziando criticità sia in termini di scarsità di posti letto in terapia intensiva e di adeguata strumentazione, che relativamente al rischio di carenza nello stoccaggio e fornitura di dispositivi di protezione individuale, nonché problematiche riguardanti la riduzione dell'organico a seguito di eventuali contagi fra gli operatori sanitari. I suddetti documenti regionali individuavano, fra l'altro, modalità e tempistiche per intraprendere le misure necessarie a gestire correttamente la situazione pandemica». Ecco, dunque, le domande: «A quanto ammontavano le scorte dei dispositivi di sicurezza individuali prima della pandemia nell’Azienda Ospedali Riuniti Marche Nord? – chiede Pergolesi -. Quanti dispositivi sono stati acquistati ed a quale costo? Con quali atti l’Azienda ha dato disposizioni per la dotazione di dispositivi di sicurezza individuale degli operatori sanitari durante l'emergenza COVID-19? Quale protocollo di sicurezza è stato previsto per il personale sanitario, e servizi aziendali connessi, attraverso l’utilizzo di specifiche dotazioni di protezione individuali?». La consigliera regionale, inoltre, chiederà di conoscere «il numero totale del personale sanitario, e annesse attività, contagiato dal Covid-19 distinto per i mesi di marzo ed aprile 2020, e il numero dei soggetti deceduti a causa del Coronavirus».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • Si schianta con un'auto, camper si ribalta: un ferito è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento