Bonus personale sanitario, Zaffiri (Lega): «Percorso lento. Ancora nemmeno un euro»

Era Aprile quando si assicuravano 2 milioni e 300mila euro disponibili per la categoria, ma il Capogruppo denuncia il fatto che il Presidente Ceriscioli non abbia ancora onorato l'impegno preso

«Sono ormai quasi tre mesi che il personale sanitario è in prima linea nella lotta al Coronavirus e il riconoscimento economico ancora non si è visto». Così il capogruppo della Lega in Consiglio regionale Sandro Zaffiri con una interrogazione presentata oggi chiede al Presidente della Giunta Luca Ceriscioli di conoscere i tempi certi di erogazione del riconoscimento economico al personale sanitario medico e paramedico, per lo sforzo eccezionale profuso nel periodo dell’emergenza da Coronavirus. 


«Il 10 aprile scorso - spiega il capogruppo - i consiglieri della Lega avevano presentato una mozione con la quale impegnavano la giunta regionale a stanziare con urgenza un riconoscimento economico, come atto dovuto di apprezzamento per il lavoro svolto, in questo momento di emergenza, da tutto il personale sanitario medico e paramedico, per un importo di 1.000,00 euro ciascuno. Nonostante l'approvazione della nostra Mozione e l'accordo firmato il 20 aprile tra la Regione Marche e i sindacati che dovrebbe mettere a sistema circa 2 milioni e 300mila euro, finalizzati ad assegnare un riconoscimento economico a tutti gli operatori impegnati nella cura e nell'assistenza ai cittadini colpiti dal Coronavirus, sembrerebbe che il percorso sia alquanto lento e tortuoso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Si chiede dunque una dimostrazione praitca alla Regione e a tutti gli operatori sanitari. E aggiuge: «Bisogna farlo per lo spirito di sacrificio e senso del dovere con cui stanno affrontando l'emergenza  e per il rischio biologico cui sono e sono stati sottoposti nell’esercizio delle loro funzioni. I soldi erano già disponibili assicurava il Presidente Ceriscioli già lo scorso Aprile, ma nelle tasche del personale sanitario non è ancora arrivato nulla ed esigo che l'impegno preso con l'approvazione della mozione venga subito rispettato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • Si schianta con un'auto, camper si ribalta: un ferito è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento