Venerdì, 25 Giugno 2021
Politica

Cannabis light, +Europa ribadisce l'urgenza di una legge

Il coordinatore Marche Mattia Morbidoni: «Da noi spira un forte vento proibizionista, nonostante il settore abbia generato migliaia di posti di lavoro»

«L’assoluzione dei titolari di un negozio di cannabis light di Ancona ci porta a ribadire con forza il nostro sostegno al disegno di legge presentato dalla senatrice Emma Bonino per mettere ordine nel settore. Abbiamo seguito fin dall’inizio la vicenda giudiziaria dei due commercianti del capoluogo dorico, che, come tanti altri imprenditori, avevano aperto un’attività legale, come stabilito dalla legge 242 del 2016. Poi le recenti interpretazioni differenti e restrittive hanno gettato gli operatori nell’incertezza. La sentenza del gip del Tribunale, che ha scagionato gli imputati perchè il fatto non costituisce reato, conferma la necessità di un intervento urgente del legislatore per regolamentare la materia».

Così Mattia Moibidoni, coordinatore del gruppo + Europa Marche, che, in vista delle prossime elezioni regionali, sta anche preparando una proposta di legge specifica a tutela della filiera locale della canapa: dai coltivatori e negozianti. «Riguardo la cannabis light, purtroppo nelle Marche - prosegue Morbidoni - spira un forte vento proibizionista, pur trattandosi di un settore che ha generato migliaia di posti di lavoro. Ricordo che stiamo parlando della canapa sativa, che nulla ha a che vedere con la indica da cui si ricavano hashish e maijuana e che chi ha investito nella sua produzione e trasformazione ha anche recuperato una grande tradizione italiana». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cannabis light, +Europa ribadisce l'urgenza di una legge

AnconaToday è in caricamento