Bypass ferroviario, domani assemblea per illustrare le modifiche ai residenti

Il sindaco Stefania Signorini: «Resto contraria al bypass, ma i lavori permetteranno di demolire gli immobili abbandonati da tre anni, eliminando una fonte di degrado»

Stefania Signorini

Il sindaco Stefania Signorini ha convocato per domani, un’assemblea pubblica cui sono invitati tutti i residenti di Villanova, che a partire da giovedì saranno interessati dalle modifiche viarie previste dall’ordinanza numero 42 del 15 marzo 2019, emessa per consentire i lavori di demolizione degli edifici che interferiscono con il tracciato del bypass ferroviario. Durante l’assemblea il primo cittadino spiegherà come cambierà la circolazione durante tutto il periodo dei lavori, quali saranno le vie di fuga e indicherà le soluzioni ipotizzate per reperire nuovi posti auto nel quartiere, che possano restare a disposizione dei cittadini anche dopo la chiusura del cantiere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La mia amministrazione ha molto a cuore le periferie – è il commento del sindaco Signorini – e queste modifiche alla viabilità sono finalizzate a permettere la demolizione in sicurezza degli edifici espropriati: alcuni sono abbandonati da tre anni e una priorità è quella di abbatterli per evitare che diventino ricettacolo di attività illecite, visto che la cronaca ha spesso raccontato di occupazioni abusive. Siamo consapevoli dei disagi che dovranno subire i cittadini, ma è necessario consentire agli operai di lavorare senza rischi e tutelare i residenti dell’area limitrofa a quella delle demolizioni. L’azienda conta di terminare i lavori ben prima del termine indicato del 5 maggio». Il sindaco ribadisce di essere «assolutamente contraria al progetto del bypass ferroviario, che l’amministrazione potrebbe accettare solo se propedeutico all’arretramento complessivo della ferrovia, ma le demolizioni andavano fatte per eliminare una fonte di degrado». La temporanea rivoluzione della viabilità, che partirà da giovedì 21 marzo, ha avuto anche l’effetto positivo di velocizzare la realizzazione di progetti che l’amministrazione comunale teneva nel cassetto. «Abbiamo individuato un’area che potrebbe permettere di creare nuovi posti auto a servizio del quartiere – dice ancora il primo cittadino – e sottoporremo questo progetto ai residenti. Siamo pronti a realizzarlo in tempi brevissimi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Focolaio dopo una festa, Pietralacroce col fiato sospeso: anche il parroco in quarantena

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Bambini positivi, classi intere in quarantena: il virus corre nelle scuole dei piccoli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento