Assistenza domiciliare, entra in vigore il regolamento dell'ambito territoriale sociale 12

L’amministrazione comunale si è dovuta adeguare al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri 159 del 2013, ma mantiene invariata la cifra impegnata per l’assistenza domiciliare educativa, pari a 147mila euro l’anno

credit: altroconsumo.it

FALCONARA - L’amministrazione comunale falconarese ha recentemente approvato il nuovo ‘Regolamento unico di Ambito per l’accesso alle prestazioni sociali e sanitarie per la domiciliarità in favore della popolazione in condizione di non autosufficienza, di fragilità, di disagio sociale o familiare’, che prevede la compartecipazione degli utenti al costo del servizio in base all’Isee, come indicato dalla normativa per i servizi a domanda individuale (Dpcm 159/2013). Il regolamento è stato predisposto dall’Ambito territoriale sociale 12, che ha Falconara come capofila e di cui fanno parte i Comuni di Agugliano, Camerata Picena, Chiaravalle, Montemarciano, Monte San Vito e Polverigi. Il nuovo regolamento conferma l’esenzione per gli utenti con un reddito Isee basso, mentre per gli altri è prevista la compartecipazione per arrivare alla copertura totale del costo, in base a scaglioni di reddito determinati ugualmente dall’Ambito. Questo ha comportato modifiche soprattutto per chi usufruisce dell’assistenza domiciliare educativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune di Falconara è stato l’ultimo Comune, dei sette enti locali dell’Ats 12, a introdurre le nuove tariffe per l’assistenza domiciliare, che sono state deliberate dal comitato dei sindaci nel dicembre scorso. In Consiglio comunale l’approvazione è arrivata con il voto favorevole di maggioranza e gran parte dell’opposizione, fatta eccezione per il M5S che si è astenuto. «Abbiamo cercato di attendere nell’applicazione delle nuove tariffe – spiegano gli amministratori comunali – perché ci rendiamo conto delle difficoltà cui vanno incontro le famiglie, ma ormai non potevamo più aspettare. L’amministrazione si è impegnata, nonostante le difficoltà di bilancio del 2019, a mantenere gli stessi importi degli scorsi anni per l’educativa domiciliare: il Comune ha stanziato 147mila euro per il 2019, come avvenuto l’anno precedente, a fronte di contributi regionali per 31mila euro». Amministratori comunali, assistenti sociali e rappresentanti dell’Ambito hanno programmato nei prossimi giorni un incontro sul tema dell’assistenza domiciliare educativa con le famiglie che ne hanno fatto richiesta, per spiegare quali siano le motivazioni e le norme alla base del nuovo regolamento. Saranno anche illustrate le tempistiche burocratiche per eventuali pagamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento