Aria irrespirabile, la Lega attacca: «Arpam e vigili "armati" solo di naso per rilevare anomalie»

Duro attacco del Carroccio dopo la Commissione Ambiente: «Preoccupante che il personale non abbia strumenti adeguati»

«Vi è un nuovo strumento fornito dall’amministrazione in dotazione alla Polizia Locale: il Nasometro». Va all'attacco la Lega che con il suo consigliere comunale Stefano Caricchio critica l'amministrazione comunale per il sopralluogo effettuato nei giorni scorsi dopo le segnalazioni dei cittadini sulla puzza di idrocarburi tornata ad ammorbare l'aria. «Quando in commissione Ambiente abbiamo chiesto al comandante della polizia locale quali strumenti avessero utilizzato per accertare la presenza o meno di "odori molesti", ci ha risposto testualmente :"con il naso". Sembrerebbe una barzelletta se questa sconcertante dichiarazione non fosse in tema di salute e sicurezza pubblica» sbotta Caricchio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Emergerebbe infatti - aggiunge il consigliere leghista - che il personale Arpam non fosse supportato dall’ausilio di alcuno strumento di rilevazione durante il sopralluogo ma che l’unico strumento di indagine fosse appunto il naso dei presenti, utilizzato per verificare l’origine degli odori molesti segnalati dalla cittadinanza. Inutile ribadire che in nessun testo normativo di riferimento, Legge Regionale o Regolamento sia citata l'esistenza o l'uso del "Nasometro" come strumento di rilevazione; riteniamo quindi preoccupante che,  in una realtà come quella del nostro comune, il quadro organizzativo del corpo di Polizia locale veda ancora la totale mancanza di un settore specifico e specializzato in temi ambientali ( con formazione e dotazioni adeguate) quando tutto ciò è in netta contrapposizione a quanto presente nelle linee programmatiche dell'attuale maggioranza, oltre che al diritto alla salute dei cittadini falconaresi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento