Area Metropolitana, summit dei Comuni. Ad Ancona convegno sulle buone prassi

A Palazzo del Popolo il tavolo tecnico plenario dei 39 Comuni partner del Piano di sviluppo dell'Area metropolitana medio Adriatica, presieduto dal rappresentante del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Giacobone

Nuovo passo avanti verso l'area metropolitana.  Si è riunito stamane a Palazzo del Popolo il tavolo tecnico plenario dei 39 Comuni partner del Piano di sviluppo dell'Area metropolitana medio Adriatica, presieduto dal rappresentante del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Francesco Giacobone.   Una riunione cui hanno preso parte sindaci, assessori, tecnici dei diversi Comuni del territorio, dalla costa fino all'entroterra.

“L'incontro di oggi – ha spiegato in apertura l'assessore referente, Ida Simonella.-  ha un duplice obiettivo: il primo è la presentazione  di  un passo importante che è stato  fatto nella progettazione  tecnica sull'area metropolitana.  Avevamo difatti  censito i progetti  che riguardano l'area vasta presso tutti i Comuni e ne abbiamo individuato 250, successivamente  sono stati selezionati 10 progetti metropolitani che comprendono oltre 100 di quei 250 progetti comunali.  Ora  siamo un una fase di  definizione dei progetti integrati che sono suscettibili di ulteriori selezioni e potranno essere presentati come progetti di area metropolitana, anche per accedere a finanziamenti europei.  Il secondo punto: siamo 39 Comuni che aderiscono a questa iniziativa e oggi presentiamo la proposta di adesione di altri 8 comuni dell'area fabrianese,  dando atto al Comune di Fabriano di avere fatto un grande lavoro.  Possiamo pertanto dire che il partenariato si allarga: in questa area metropolitana vogliono starci altri soggetti”.

“Il compito dello Stato – ha sottolineato da parte sua l'architetto Giacobone- è quello di accompagnare gli organi territoriali al governo del territorio, quindi la funzione del Ministero delle Infrastrutture si articola attraverso i principi di leale collaborazione, nel sostenere e accompagnare i Comuni attraverso la costruzione di principi e di strumenti di coordinamento in materia di pianificazione. L 'obiettivo dello Stato è quello di consolidare un sistema nazionale fatto da configurazioni territoriali: la rete di cui parliamo  oggi  rappresenta una occasione pilota di assoluto valore nazionale,  la costruzione di progetti territoriali condivisi dal basso.    Oggi sono i sindaci, i Comuni che stanno costruendo l'impalcatura di questo processo . Se fino a ieri questi Comuni sono andati per conto proprio alla ricerca di finanziamenti a questo punto è il territorio solidale che condivide attraverso le singole agende urbane la capacità di vedersi assegnate risorse nazionali, europee, ma soprattutto opportunità di investimento anche da parte di paesi stranieri che possono venire a investire su questo territorio e su questo sistema logistico ma anche produttivo.  Questa prassi  - in linea con la spending review- consente di razionalizzare risorse ed evitare sprechi, combattere progetti che sono una mera  lista di opere e privilegiare invece interventi strategici che possono non solo portare qualità urbana e recupero urbano ma anche opportunità di lavoro”.

Al termine della riunione Giacobone ha annunciato la realizzazione di un convegno ad Ancona il prossimo anno “per illustrare l'esperienza del territorio di Ancona, come modello da perseguire”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento