«No all'hotel del Cardeto», striscioni esposti in tutta la città

Le associazioni A20, Ora ed Heval insieme contro l'albergo al Parco del Cardeto: «Contrari alla variazione d'uso della Caserma»

Uno striscione contro l'hotel al Cardeto

«No all'Hotel al Cardeto» e poi  «L'ambiente non ha costo, lo ribadiamo il parco è nostro». Sono questi due degli striscioni, esposti nella notte dalle associazioni A20, Ora ed Heval, per fermare il progetto di costruzione dell'albergo all'ex Caserma Stamura. Tanto gli striscioni esposti in vari punti della città, contro l'Hotel che dovrebbe sorgere nel cuore del Parco del Cardeto. Le associazioni sono unite contro la realizzazione della struttura: «Siamo contrari alla costruzione dell'Hotel nella Caserma Stamira - affermano in un comunicato congiunto - all'interno del Parco del Cardeto. Ci mostriamo quindi contrari alla variazione d’uso della Caserma. Stiamo già lavorando ad una proposta concreta, che renderemo pubblica agli enti preposti, ai cittadini, e alla rete nelle sedi di discussione e riflessione che si creeranno nelle prossime settimane. Vogliamo proporre una visione politica di lungo periodo che abbia come obiettivo quello di riavvicinare gli studenti e i giovani al Parco del Cardeto. Importante e necessario affrontare una questione come quella del cambio di destinazione d’uso della Caserma con la partecipazione più attiva e diretta dei cittadini che lo desiderano, ascoltando con apertura e dialogo le idee e le alternative che i cittadini e le associazioni proporranno».

Le associazioni concludono spiegando il significato degli striscioni: «Per queste ragioni abbiamo dislocato una serie di striscioni in città con l'obiettivo di sensibilizzare gli anconetani su una battaglia così importante per lo sviluppo del capoluogo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento