Il 2018 del sindaco: «Lavoreremo come se non ci fossero le elezioni»

Tra lavori appaltati e cantieri da aprire, il bilancio di previsione è pronto per l'esame di Palazzo degli Anziani. Stadio Dorico, 2 milioni per la progettazione

Valeria Mancinelli

«Non sarà un anno di sospensione in attesa della scadenza elettoriale». A una decina di giorni circa dall'arrivo in consiglio comunale del Bilancio di previsione 2018, documento contabile e programmatico di ogni amministrazione comunale, il sindaco Valeria Mancinelli è chiara: il lavoro va avanti. «Le elezioni sono un momento importante ma pensiamo che sia positivo dare continuità all'azione amministrativa. Se dovessimo vincere noi ci sarà. Se così non sarà, ma ne dubito, chi subentrerà troverà una parte del lavoro non secondario già fatto e potrà iniziare senza periodi di palude». 

I conti 

Buone notizie sul fronte delle entrate. Ancona riceverà dallo Stato circa 910mila euro in più rispetto al 2017. «Il fondo di solidarietà comunale – spiega l'assessore al Bilancio, Fabio Fiorillo - passa da 15.804.858,39 (2017) a 16.715.261,80 (2018)». Inalterato il fondo Imu/Tasi, il debito comunale è diminuito dai 128 milioni del 2012 ai 105 del 2017. Si prevede di arrivare, nonostanet l'accensione di altri mutui per 3,7 milioni a 102 milioni di indebitamento. Le tasse resteranno invariate anche per effetto della lotta all'evasione. Tra riscossioni coattiva e insinuazioni al passivo si prevede che Ancona Entrate arriverà a riscuotere 4,3 milioni di tasse non pagate.

Nuova asfaltature

Continua la manutenzione straordinaria delle strade. Da qui al 31 dicembre 2018, lavori di asfaltatura in via Piave, piazza Cavour (l'anello attorno alla piazza), via Vecchini, piazza XXIV Maggio, via Corridoni, via Rodi, via Fermo, via Montacuto, via delle Grazie, via Flaminia da Palombina Nuova fino al confine con Falconara, strada delle Grotte, via Monteferro e via della Ferrovia. Altri 2 milioni di euro di lavori sono ancora da appaltare:  la rotatoria tra via Brecce Bianche, via Sagripanti e via Maestri del Lavoro, la nuova piazza delle Palombare ("un progetto importante per un quartiere rinato dove mancava intervento pubblico più importante" commenta il sindaco). 

Scuole

A bilancio finoscono 500mila euro per numerosi interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. A Palombina Nuova si sono iniziati i lavori di demolizione delle vecchie Mercantini e si stanno appaltando i lavori per la realizzazione del nuovo edificio. Il rientro degli alunni è previsto per settembre 2018 con il nuovo anno scolastico. Riqualificazione e adeguamento sismico anche per le Domenico Savio.

Questione stadio Dorico

Di concreto, oltre gli intenti, c'è poco. L'intenzione però c'è sia da parte del Comune che da parte del privato con il patron dell'Anconitana, Stefano Marconi, che ha fatto della riqualificazione dello storico impianto del Quartiere Adriatico un punto imprescindibile della sua permanenza alla guida della società biancorossa. Serve un progetto preliminare sul quale poi la Soprintendenza sarà chiamata a dare pareri ed eventuali prescrizioni. Nel bilancio previsionale il Comune ha previsto 2 milioni di euro. L'Anconitana ne metterà un altro. Per i primi di febbraio è previsto un incontro allargato anche al Centro Tennis Dorico. Lavori anche al Palascherma (dopo il parquet, in arrivo scale di sicurezza e ascensore) e al Palaveneto (sostituzione del tetto in amianto). 

Waterfront, Mole, Archi e Palombella

Il 2018 sarà anche l'anno di importanti trasformazioni rese possibili dalle risorse straordinarie ottenute dal Comune partecipando ai bandi ministeriali. Partendo da nord. La demolizione dell'ex Dreher, con la relativa bonifica, inizierà nel primo semestre. Bonifica dall'amianto anche per l'ex Angelini. Per gli Archi ci sarà un percorso partecipato con cittadini e progettisti. Al porto saranno demolite le officine del Nautico per liberare la Casa del Capitano. Al via il concorso di progettazione per l’illuminazione del fronte mare. Entro la primavera partiranno i cantieri per la ristrutturazione della Mole (pronta a ospitare a marzo la mostra fotografica di Henry Cartier Bresson) che sarà raggiungibile attraverso un percorso, in fase di progettazione, da piazza della Repubblica fino a Porta Pia e poi attraverso con un cavalcavia.

I mercati

Il project financing per il Mercato delle Erbe arriverà a compimento, dopo aver individuato il privato, entro giugno. Piazza Pertini sarà oggetto di una progettazione condivisa, attraverso un bando che dovrà prevedere una copertura su tutta la piazza o su una parte di essa.

Il passaggio consiliare

Appuntamento dunque al 23 e 24 gennaio per l'approvazione in consiglio comunale. «Il piano di lavoro che presentiamo – conclude la Mancinelli – ha l’orizzonte temporale dell’anno e lo facciamo con responsabilità, poiché nessuna città e tanto meno Ancona, può permettersi battute d’arresto legate alle esigenze delle varie mandate elettorali. Vogliamo portare a conoscenza dei cittadini quanto verrà fatto e in particolare, alcuni segni emblematici della trasformazione di Ancona, alcuni esempi di servizi consolidati o innovativi, la cultura che si rivolge ad una dimensione nazionale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento