Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Bilancio 2015 difficile, Mancinelli: «Sarà l'anno delle strade»

Tagli del Governo centrale per 8 milioni di euro, nel bilancio di previsione la priorità va a strade e manutenzioni straordinarie. Saranno mantenuti gli stessi livelli di servizio senza aumentare la pressione fiscale, prevista la riduzione di Imu e Tari

Sarà l'anno delle strade. Le casse del Comune piangono e all'appello mancano 8 milioni di euro dovuti ai tagli messi in atto dal Governo centrale. Sarà un bilancio difficile quello del Comune di Ancona che nonostante le difficoltà ha deciso di mettere al primo posto i bisogni dei cittadini. L'urgenza che non può più aspettare è la sistemazione del manto stradale della città, ridotto ormai ad un colabrodo. L'intervento si farà quest'anno e i cantieri partiranno prima dell'autunno. Il costo è di 3milioni di euro. Per avere la disponibilità di quelle risorse, il Comune utilizzerà tutta quest'anno, la sua capacità di accendere mutui.

Accenderà un mutuo di 6milioni di euro che servirà a pagare strade e manutenzioni di edifici pubblici e di scuole: Collodi, il muro delle Mercantini e le Leopardi. Ma il 2015 sarà anche l'anno della conclusione dei lavori alla Pinacoteca e l'avvio dei lavori in Piazza Cavour. «E' un bilancio difficile per il contesto. I risultati positivi del Comune di Ancona, intesi come risparmi, vengono utilizzati per compensare le minore entrate che arrivano dal Governo centrale. Stiamo aspettando di poter mettere in bilancio il fondo di compensazione da Imu a Tasi che vale circa 4,7 milioni di euro. Quando questo fondo arriverà ci permetterà di tornare in assemblea consiliare per votare una variazione di bilancio in aumento- spiega l'assessore al Bilancio, Fabio Fiorillo-. Abbiamo deciso di affrontare l'incertezza e di investire. Abbiamo fatto un bilancio provvisorio che ci permette di partire subito con le cose che sono essenziali per la città e che non potevano più aspettare».

Il 2015 presenta alcune entrate straordinarie che permettono di affrontare meglio i tagli statali. Ci sono stati utili da partecipate e sono arrivate a maturazione due operazioni di recupero del patrimonio immobiliare, Metropolitan ed ex Umberto I, di cui si trasferirà alla parte corrente il 75% degli oneri connessi a tali operazioni. «Dagli oneri di urbanizzazione potremmo avere sollievo. Come fatti positivi, quest'anno sarà restituito alla città l'Ex Metropolitan e partirà l'intervento dell'Asur sui due padiglioni fronte strada dell'ex Umberto I. Saranno realizzati servizi tanto attesi dalla cittadinanza e cioè la residenza sanitaria assistita per 40 posti e la nuova sede dei Poliambulatori che adesso stanno al viale della Vittoria- commenta il sindaco Valeria Mancinelli-. Sono due interventi importanti in termini di servizio per la città, di recupero in parte del degrado della zona e poi, portano soldi nelle casse del Comune per circa 2milioni di euro».

I risparmi strutturali messi in atto dall'amministrazione nel 2014 (riorganizzazione macchina comunale, riduzione affitti passivi, riduzione telefonia ed energia elettrica...) pari a 3milioni di euro e le entrate straordinarie, hanno permesso al Comune di mantenere gli stessi livelli di servizio senza aumentare la pressione fiscale. Il Comune intende attuare due misure a sostegno delle fasce di reddito più deboli. In primo luogo sarà ridotta la Tari dal  70% al 10% a seconda del reddito Isee. Allo stesso modo, si ridurrà l'aliquota Imu applicata alle abitazioni in affitto a canone concordato. Inoltre, sarà diminuita la Tari anche per le utenze non domestiche.

Attenzione sarà data anche al sociale con l'aumento del contributo esterno a progetti sociali e culturali. Si lavorerà anche sulla sicurezza con l'acquisto di nuove telecamere di videosorveglianza  che saranno utilizzate sia come deterrenti sia per sanzionare chi commette reati, come ad esempio l'abbandono di rifiuti. Infine, l'incasso della tassa di soggiorno, pari a circa 200mila euro l'anno,  verrà destinato alle attività turistiche e di promozione turistica concordate con gli operatori stessi. Il bilancio del Comune ha una spesa corrente per il 2015 di circa 123,5 milioni di euro. I trasferimenti statali sono diminuiti dal 2013 ad oggi di quasi 13 milioni di euro. Il bilancio di previsione sarà discusso in Consiglio il 29/30 aprile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio 2015 difficile, Mancinelli: «Sarà l'anno delle strade»

AnconaToday è in caricamento