Giardino

Piscina in giardino, la manutenzione base: cosa non puoi dimenticare

Avete a disposizione un giardino? D'estate la tentazione di realizzarci una piscina è forte, ma occhio alla manutenzione

Avete a disposizione un giardino? D'estate la tentazione di realizzarci una piscina è forte. Per i modelli interrati l'iter è abbastanza vincolato e i costi potrebbero essere alti, anche tenendo conto della manutenzione. La soluzione, allora, è il modello fuori terra. 

Cambia il giardino sfruttando il "Bonus verde"

Idee per l'illuminazione

Manutenzione quotidiana

Il fatto che sia più comodo e meno dispendioso curare una piscina fuori terra, non significa potersene "lavare le mani". La manutenzione deve comunque essere regolare.Meglio se quotidiana. In questo caso ecco cosa fare: 

  • Mettere in funzione il filtro per mezza giornata
  • Controllare il livello dell’acqua che non deve essere né troppo alto né troppo basso
  • Verificare il livello del pH (dovrebbe sempre essere compreso tra 7.4 e 7.6)
  • Testare il livello del cloro (tra 1 e 1.5 parti per milione)
  • Svuotare filtro e cestelli degli skimmer
  • Monitorare la pressione del filtro e le condizioni della pompa

Come e quanto usare la pompa? 

Proprio a proposito della pompa, questa deve rimanere attiva per almeno 12 ore, così da evitare qualsiasi stagnazione dell’acqua, inoltre il livello del cloro deve rimanere costante. Un accorgimento utile è quello di usare un pennarello indelebile per segnare ogni volta il livello della pressione del filtro pulito, in modo da capire quando è il momento più opportuno per intervenire.

Manutenzione settimanale

Se scegliete tempi di manutenzione più larghi, quindi settimanali, le cose che non potete non fare sono queste:

  • Verificare quando è alta l’alcalinità (il livello ideale va da 80 a 120 parti per milione)
  • Pulire con cura la zona che circonda la piscina per favorire la pulizia della vasca
  • Utilizzare un alghicida che evita appunto la formazione di alghe, oltre a un prodotto per non far rovinare i metalli
  • Aggiungere delle pastiglie di cloro (2-4 a seconda delle esigenze)
  • Pulire il filtro quando la pressione è troppo alta
  • Quando si esegue settimanalmente la manutenzione della piscina fuori terra, si deve ricordare che il pH è legato all’alcalinità: quest’ultima aiuta il primo ad essere stabile.

Manutenzione mensile 

La manutenzione può essere effettuata anche ogni mese, a patto che si seguano queste procedure:

  • Controllare i livelli di calcio, i quali non devono essere più bassi di 200 e più alti di 400 parti per milione
  • Monitorare l’acido cianurico che tende a depositarsi in acqua soprattutto durante i mancati utilizzi
  • Controllare che non ci siano alghe sulla superficie o nascoste dietro le scalette ed i gradini
  • Pulire con attenzione la linea di galleggiamento 
  • Quando si aspettano trenta giorni per occuparsi della piscina, occorre monitorare soprattutto il calcio, perché è il minerale che ci dà la misura della durezza dell’acqua. Se questa è troppo dolce, allora si può formare della schiuma nella vasca, fino al punto da rendere inutile la pulizia.
  • L’acido cianurico, invece, è fondamentale perché stabilizza il cloro, mettendo al riparo dalla luce del sole: di solito questo acido si trova anche nelle pastiglie di cloro, ma è consigliabile sempre aggiungerne altre 30 ppm. Con uno sgrassatore e una spugna morbida, infine, la linea di galleggiamento sarà pulita e visibile come non mai. 


Prodotti online

Cartuccia Filtro

Sfere per filtrazione 

Filtro per piscina

Piscina con pompa filtro

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piscina in giardino, la manutenzione base: cosa non puoi dimenticare

AnconaToday è in caricamento