Attualità

Grotte di Frasassi, luglio da record: ora la "prova" Green Pass

Luglio da record per le Grotte di Frasassi. Toccati i 45mila ingressi, con un +10% rispetto all’anno d’oro del 2019. Dal 6 agosto il percorso turistico ipogeo sarà accessibile solo con green pass

Luglio da record per le Grotte di Frasassi. Toccati i 45mila ingressi, con un +10% rispetto all’anno d’oro del 2019. Dal 6 agosto il percorso turistico ipogeo sarà accessibile solo con green pass: pronta la postazione per il check in di controllo. Inoltre, grazie ad una convenzione stipulata con le Terme di Frasassi, sarà possibile, per chi non è in possesso del green pass, effettuare il tampone rapido come richiesto dalla normativa. Le Grotte di Frasassi centrano l’obiettivo dei 45mila ingressi nel mese di luglio. Più 10% rispetto al 2019, benchmark di riferimento in quanto fu l’anno del picco massimo di ingressi dell’era post sisma. Il risultato attuale supera di gran lunga quello del medesimo periodo nel 2020 (+50%). Ad avvalorare il ruolo di capofila del distretto turistico marchigiano, oltre alla legge regionale che riconosce le Grotte quale luogo strategico di promozione territorio, è arrivato anche il Premio Eccellenza del Territorio conseguito venerdì sera (30 luglio) a Castelraimondo in occasione della manifestazione Marche In Vetrina.

Il Premio è stato consegnato dal governatore Francesco Acquaroli e dal’assessore regionale alle aree interne Francesco Baldelli al sindaco di Genga avv. Marco Filipponi e al Vicepresidente del Consorzio Frasassi ingegner Lorenzo Burzacca. Nell’anno del 50° anniversario dalla scoperta delle Grotte di Frasassi, si sono già svolti eventi dal respiro internazionale, come il concerto di Bocelli a Natale. E molti altri sono in arrivo, tanto che presto verrà svelato quale sarà il coinvolgimento del trio de Il Volo in occasione delle celebrazioni del 25 settembre. «Siamo soddisfatti del traguardo raggiunto - commenta il sindaco di Genga, l’avvocato Marco Filipponi - un obiettivo per nulla scontato, tenuto conto del periodo storico e del forte calo del turismo internazionale che ha colpito tutto il Paese. Ma nonostante gli ostacoli, Frasassi ha dimostrato di saper essere quella destinazione turistica all’altezza delle aspettative. Continueremo a fare del nostro meglio per mantenere alto lo standard qualitativo della nostra offerta e la vitalità del territorio». «Il trend positivo è sicuramente incoraggiante e conferma la bontà delle scelte attuate in tema di strategia promozionale e di marketing - specifica il Vicepresidente del Consorzio Frasassi, l’ingegnere Lorenzo Burzacca - non è stato facile riformulare la nostra proposta puntando principalmente su un turismo di prossimità e nazionale, ma con spirito di innovazione e forte concertazione anche con le forze locali e le autorità regionali, siamo riusciti a confermare il nostro ruolo centrale nell’attrattiva turistica delle Marche». 

Il green pass

Dal 6 agosto farà l’esordio il green pass anche alle Grotte di Frasassi, come previsto dal decreto per la sicurezza anticovid. Una postazione per il check-in di controllo sarà allestita nell’area biglietteria. Lo screening del passaporto vaccinale verrà effettuato prima dell’acquisto dei tagliandi di accesso. All’utente verrà poi rilasciato un bracciale di riconoscimento che attesterà la regolarità dell’avvenuto controllo e quindi potrà procedere con l’acquisto del ticket in cassa e successivamente fruire del bus navetta per l’ingresso.  Anche chi avrà acquistato il biglietto online dovrà sottoporsi al controllo del green pass prima di dirigersi verso il punto di raccolta per l’accesso al bus navetta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grotte di Frasassi, luglio da record: ora la "prova" Green Pass

AnconaToday è in caricamento