Corsi di alta formazione, boom di iscrizioni per ITS: «Il lockdown non ci ha fermato»

La soddisfazione del presidente Zannini: «Trend occupazionale confermato nonostante la pandemia»

Il test di ammissione

Boom di iscrizioni per diventare super tecnici del futuro. Continuano le attività di ITS Tecnologia e Made in Italy, il percorso di Alta Formazione psot diploma arrivato al decimo anno. Forti dello stanziamento regionale di 2,8 milioni di euro, i cinque corsi ITS hanno registrato il sold out, sintomo dell’interesse sempre maggiore verso una formazione capace di mettere in connessione gli studenti diplomati con importanti realtà aziendali del territorio. «Siamo entusiasti di questi dati che ci confermano come l’indirizzo intrapreso dalla nostra decennale attività si sia nel tempo rivelato vincente sotto il profilo occupazionale – dichiara il Presidente Stefano Zannini – Nonostante il lockdown che ha messo alla prova docenti e studenti, il trend occupazionale è stato confermato anche con una pandemia in corso: 8,5 studenti su 10 trovano lavoro prima di aver conseguito il diploma di Alta Specializzazione. Questo è il nostro punto di forza: aziende e studenti che, insieme, condividono sinergicamente un percorso capace di condurre entrambi ad un obiettivo vincente». 

Oltre 40 sono stati gli aspiranti super tecnici che questa settimana hanno partecipato agli esami di ammissione, ma sono solo 25 i banchi a disposizione per ogni corso, ciascuno declinato su una materia specifica: dalla robotica alle tecnologie smart, dal design all’Industry 4.0, sono diverse le discipline fra cui gli aspiranti super tecnici si possono specializzare. I test di selezione si sono svolti nel pieno rispetto delle norme anticovid e, dopo i quiz a risposta multipla con un’ora a disposizione, per alcuni corsi sono stati effettuati colloqui individuali, al fine di sondare attitudini e motivazione dei candidati. Le lezioni inizieranno la prossima setimana, mentre in alcune sedi oggi si è tenuta la giornata di orientamento. «In questo particolare periodo, la Fondazione ITS garantisce a tutti gli studenti la corretta prosecuzione del programma, – assicura il Presidente Zannini – contando sia sulla teledidattica sia sul consolidato supporto da parte del corpo docente, così come già sperimentato in occasione del precedente lockdown, il quale non ha assolutamente inficiato lezioni o esami». Fra lezioni in aula ed esperienza lavorativa all’interno delle aziende, sono 1800 in tutte le ore di formazione proposte da ITS Tecnologia e Made in Italy, a costo zero. Ariston Thermo, Guzzini, Loccioni, Scavolini e Gitronica sono solo alcune delle realtà partner di ITS, che vanta solidi legami con Confindustria, Assindustria, Confartigianato, senza contare le tre università marchigiane. Il percorso formativo, completamente gratuito grazie al contributo regionale, permette ai super tecnici del domani di conseguire certificazioni in inglese ed informatica. Sono previsti nel biennio workshop e visite presso fiere di settore per consolidare le proprie competenze. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

Torna su
AnconaToday è in caricamento