menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marche Endurance Lifestyle: tripletta per gli Emirati Arabi nella 120 km

Sheikh Hamdan bin Rashid al Maktoum, principe alla corona di Dubai, iscrive per la seconda volta in tre anni il proprio nome sull'albo d'oro di Marche Endurance Lifestyle. Vittorie italiane su 92 km e young riders

Sheikh Hamdan bin Rashid al Maktoum, principe alla corona di Dubai, iscrive per la seconda volta in tre anni il proprio nome sull’albo d’oro di Marche Endurance Lifestyle. Con il padre Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum attento spettatore e ospite del grande evento di Marcelli, Sheikh Hamdan ha condotto la gara dal primo all’ultimo chilometro della gara sui 120 chilometri in sella a Intisaar alla media di 22,439 km/h. Alle loro spalle altri due cavalieri degli Emirati Arabi Uniti, Sheikh Hasher Bin Mohammed Thani Al Maktoum con Cal Colonial (22,438) e Ghanim Said Salim Al Owaisi su Al Baran 75 (22,437). Tre binomi degli Emirati Arabi Uniti ai primi tre posti, dunque, al termine di una gara interpretata alla grande da tutti i concorrenti, abili e preparati nell'affrontare al meglio il percorso senza risentire della pioggia che aveva caratterizzato la prima ora di gara. A tributare loro il giusto riconoscimento per una prestazione da applausi è stato il pubblico di Marche Endurance Lifestyle, sempre numeroso al Villaggio internazionale, e in particolare il presidente della Regione Gian Mario Spacca, che ha premiato proprio Sheikh Hamdan.

Anche nella “Road to the WEG” sui 160 chilometri, valida come qualificazione ai prossimi World Equestrian Games in Normandia, successo degli Emirati Arabi Uniti. Al primo posto ha chiuso Saeed Sultan Shames Al Maamri su Chocolate dos Condes alla media di 18,947 km/h, davanti al connazionale Mansour Saeed Mohd Al Faresi su Fenwick Sunset Tryst (18,947).

Nelle altre gare del programma, vittoria italiana sui 92 km, con Federica Mandelli che su Ostro di Chia, alla media di 17,991 km/h, ha preceduto i due portacolori degli Emirati Arabi Uniti Humaid Matar Rashed Al Mazrodei su Nocerino (17,802) e Mhd Khalid Mohd bin Hafiz su Cristal des alpes (17,690).
Il Campionato italiano a squadre, assegnato sui 120 km, è andato all'Ellan Team, composto da Leonardo Vertemati, Elena Lanfranchi, Erica Accardi e Marco Angeli, è salito sul gradino più alto del podio grazie al tempo complessivo di 15h18'35". Secondo posto per Le Macchiole con Giuseppe Ducci, Claudio L'Abbate, Fabrizio Poliziani e Francesco D'andrea con 15h36'02". Terza piazza per Conero 2014 con Giovanni Garatti, Vincenzo Abbruzzese, Ramon Donina Rubagotti e Jacopo Lorenzelli.

La gara riservata agli young riders ha visto infine la vittoria di Ortensia Revelant, che in sella ad Ares by Spirit ha vinto a 17,184 km/h di media, precedendo in una drammatica volata Carolina Tavassoli Asli su Isteddada Saura (17,183). Terzo posto per Costanza Laliscia su Riok (16,931). Dopo l’arrivo la vincitrice è stata vittima di un incidente, che ne ha determinato la caduta da cavallo. Soccorsa immediatamente e trasportata in ospedale, le sue condizioni non destano però particolari preoccupazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento