Sport

Roberto Mancini fa felici i suoi “Leoncelli” con una quattro giorni inglese

Roberto Mancini ha ospitato a Manchester la scuola calcio Junior Jesina intitolata al padre Aldo per una 4 giorni "full immersion" di calcio ad altissimo livello e di lingua inglese

Roberto Mancini ha ospitato a Manchester la scuola calcio Junior Jesina intitolata al padre Aldo per una 4 giorni “full immersion” di calcio ad altissimo livello e di lingua inglese.

Dopo il primo scambio del 2012 tra l’Academy del Manchester City e la Scuola dello sponsor Cat Impianti di Mirko Panzarea che aveva visto i coach inglesi venire in Italia per stage tecnici e scambi di esperienze, quest’anno Roberto Mancini ha organizzato un evento unico per i ragazzi italiani.

La cronaca dei quattro giorni: prima la partita tra i giovanissimi jesini e i pari età del MCity, terminata 2-1 per i padroni di casa, passati in vantaggio grazie ad un calcio di rigore, poi raggiunti dagli jesini e infine a pochi minuti dal termine autori del 2-1 finale. I ragazzi di Jesi hanno ben figurato, tenendo bene il campo per tutti i 90 minuti con una gara intensa nel pieno spirito inglese, con correttezza in campo e “fair play”. A fine gara i complimenti dello staff dell'Academy del MCity, in particolare di Coach Jason Wilcox (ex nazionale inglese) e del Mental Trainer Christian Lattanzio, e dall’indimenticato Attilio Lombardo mister dell’U21 inglese.
Al termine dell'incontro ragazzi e accompagnatori della Junior Jesina ospiti a pranzo all'interno dell'Academy, per assistere al match di campionato dell'U21 allenata da Attilio Lombardo. Poi stage tecnico con i metodi di allenamento, le tattiche e i comportamenti richiesti dal MCity ai suoi giovani calciatori, proiezioni di video e slides naturalmente in lingua inglese. I giovani leoncelli hanno dimostrato un livello di apprendimento molto buono, a differenza dei dirigenti che dovevano essere aiutati nelle traduzioni proprio dai ragazzi con situazioni di puro divertimento.
Stadio ragazzi light-2Il sabato prima grande sorpresa per i giovani di Jesi da parte del Manager di casa Mancini che invita tutti nell’hotel dove alloggiano i giocatori in ritiro prima di ogni gara casalinga. I giovani calciatori Jesini realizzano il loro secondo sogno, avvicinando i grandi campioni del City per foto e autografi di rito.
Alle 14 tutti all’Etihad Stadium per la partita di Premier League contro il Newcastle, anche in questo caso trattamento particolare con “sky box” e ingresso offerto da Mancini.
Ma a pochi minuti dal fischio di inizio, il Manager jesino chiama a rapporto tutti i giovani della sua Scuola calcio all'interno del terreno di gioco per una foto di gruppo.
Adrenalina ed entusiasmo alle stelle, per alcuni, quasi tutti compresi gli accompagnatori, l'emozione si tramuta anche in pianto di gioia. Gioia che porta fortuna a Mancini, visto il risultato finale di 4-0 per i campioni di Premier.

“L’ultimo giorno doveva essere tranquillo prima del rientro a Jesi – spiega Mirko Panzarea, sponsor della Junior Jesina – ma Roberto non finisce di stupire. Mi ha chiamato e lanciato l'ultima sorpresa fuori programma: tutti invitati ad assistere all'allenamento mattutino della squadra al centro sportivo di Carrington. A questo punto viene raggiunto l'apice dell'emozione perché i ragazzi a bordo campo hanno potuto parlare e scambiare battute con i giocatori. Il rientro a casa nella notte è stato lungo e faticoso, ma per i ragazzi è stato un evento che rimarrà per sempre, grazie al grande cuore e all'umanità di Roberto Mancini, jesino DOC, che a notte fonda ha mandato un sms: Grazie a tutti Voi. Siamo rimasti senza parole!”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roberto Mancini fa felici i suoi “Leoncelli” con una quattro giorni inglese

AnconaToday è in caricamento