Calcio Promozione, bilancio in casa Villa Musone: «Meglio dello scorso anno, obiettivo zona tranquillità»

Si sono chiusi i gironi d'andata del Villa Musone, sia della prima squadra di mister Marco Strappini che della Juniores Regionale di mister Carlo Mandola

Vincenzo Masi

Si sono chiusi i gironi d'andata del Villa Musone, sia della prima squadra di mister Marco Strappini che della Juniores Regionale di mister Carlo Mandola. Entrambe le compagini hanno chiuso con una vittoria esterna, 3-2 sul Portorecanati la prima squadra ed 1-0 sull'Osimostazione C.D. per i giovani villans. Due successi importanti che hanno posizionato i gialloblu nella zona tranquilità della classifica. Al giro di boa dei campionati tracciamo un bilancio con Vincenzo Masi, direttore sportivo prima squadra e responsabile tecnico juniores: «Una vittoria preziosa contro una signora squadra. Oggi hanno pesato le loro assenze ma anche a noi mancavano alcuni giocatori preziosi come Tonuzi. Detto questo chiudiamo questa prima parte di campionato a 21 punti, facendo meglio rispetto alla passata stagione quando eravamo a 17 punti. Un risultato su cui avrei messo la firma ad inizio anno. Siamo partiti con una rosa rinnovata, composta da diversi under alcuni dei quali provenienti dal nostro settore giovanile, e con un nuovo allenatore pertanto in un processo di crescita ci possono essere delle difficoltà. Grazie all'ottimo lavoro da parte di tutti quanti siamo riusciti a superare anche i momenti difficili. Dopo l'addio di un giocatore importante come Colletta ed i risultati negativi di Novembre ci si poteva demoralizzare in tale circostanza, invece grazie alla forza di questo gruppo, ed al lavoro costante di mister Strappini una grandissima persona, siamo venuti fuori ottenendo in queste ultime tre partite sette punti sui nove disponibili. Ora siamo fiduciosi per il girone di ritorno e vogliamo continuare su questa strada. Non possiamo che essere soddisfatti di questo girone d'andata».

Juniores

«Anche qui il bilancio è positivo. La Juniores Regionale di mister Carlo Mandola, impegnata nel girone B, è posizionata tra le prime cinque squadre. In questi due anni si è lavorato bene, riuscendo anche a trovare diversi '97-'98-'99-'00 provenienti da altre società, alcuni dei quali si sono proposti direttamente vista la validità del nostro progetto. Abbiamo valorizzato tanto i nostri giovani e diversi hanno già esordito in prima squadra. Il progetto a medio - lungo termine è quello di valorizzare ulteriormente i nostri tesserati e di riuscire a formare la Juniores con tutti giocatori provenienti dal nostro vivaio, visto che nel presente non siamo riusciti a farlo per questione di numeri e perciò abbiamo dovuto prelevare alcuni ragazzi da altre società. Lavorare con questa categoria non è mai facile, perchè la Juniores è il "trampolino di lancio" dagli Allievi alla prima squadra: comunque si sta lavorando bene e l'obiettivo è migliorarsi. La disciplina è molto importante e chi dalla Juniores viene alla prima squadra conosce già le regole che ci sono da rispettare sotto questo aspetto. Inoltre nella nostra società non ci sono preclusioni particolari, perchè se un ragazzo ha i mezzi per poter esordire in prima squadra noi gli diamo questa possibilità. Il nostro movimento giovanile è importante e la società punta molto sul vivaio. Certo vincere fa piacere ma quello che conta nella nostra Juniores è quello di preparare i futuri giocatori della prima squadra e creare ragazzi motivati e che sentano questa maglia. In generale si sta lavorando bene in tutto il settore giovanile ed il bilancio è sicuramente positivo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento