Mister Neri ancora con le Citizens: «La voglia di riscatto sarà la nostra forza»

Il Città di Falconara dopo il ripescaggio in serie A conferma l'allenatore: «Atto di stima nei miei confronti». E svela un retroscena su capitan Luciani

mister Neri durante un match

Un ripescaggio cercato, sperato, ottenuto. E ora, confermata la massima serie nazionale di calcio a 5 femminile, si passa a una seconda conferma: quella di Massimiliano Neri sulla panchina delle Citizens. «Dopo un'annata come quella passata, il fatto di essere stato confermato lo vedo come un grande attestato di stima nei miei confronti» commenta il mister che, con altri ruoli, è nel giro della società falconarese da una decina di anni. Di fronte ha tanto lavoro da fare in un campionato ulteriormente cresciuto. «Finora - sottolinea - il mercato è stato dominato da poche società. Quindi il divario tra queste squadre e il resto del gruppo è vistosamente aumentato. Da qui all'inizio del campionato c'è ancora tempo, ma non sarà semplice fare nuovi colpi di mercato. Poi, come ogni anno, sono sicuro che la finestra di dicembre sarà molto utilizzata per cercare di sistemare le rose». Lui in panca, il capitano Sofia Luciani in campo. Due pilastri dai quali ripartire. Con un retroscena da brividi per i tifosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sofia ha dato la sua disponibilità a restare, indipendentemente dalla categoria, il giorno stesso della sconfitta ai playout contro il Real Grisignano – racconta Neri - È stato un grande segnale per la società. La sua conferma è fondamentale. Lo scorso campionato? Salvo, di buono, il periodo nel quale abbiamo espresso un buon futsal. In quelle giornate di campionato ci sembrava di poter scalare la classifica, invece poi la squadra si è come bloccata e tutto è diventato più difficile. Cosa butto? Sicuramente tutte le problematiche al di fuori del campo che ci hanno continuamente ostacolato nel nostro lavoro». Idee chiare, concretezza e l'esperienza giusta per capire che occorre restare concentrati e non dare nulla per scontato. Nel frattempo la società continua a lavorare sul mercato per allestire la rosa. Neri non ne parla. «Penso solo a quando inizieremo a sudare in mezzo al campo. Sono sicuro che la voglia di riscatto sarà uno dei nostri punti di forza» conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • Coppia scatenata, sesso in pubblico: i passanti riprendono tutto col cellulare

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento