Sport

"Campioni nello sport, eroi nella vita", incontro con gli atleti paralimpici di Rio

Parteciperanno alcuni atleti che hanno preso parte alle ultime Paralimpiadi a Rio de Janeiro, fra cui Assunta Legnante, Oney Tapia e la coppia dei sogni Emanuele Di Marino e Arjola Dedaj

Assunta Legnante

Mercoledì 4 gennaio 2017, alle ore 21.15, la sottosezione dell'U.N.I.T.A.L.S.I. (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) di Ancona-Osimo prenderà parte all'iniziativa "Campioni nello sport, Eroi nella vita", che si svolgerà presso il Palasport Badiali di Falconara Marittima (AN), in via dello Stadio. L'iniziativa è organizzata dal Gruppo Amici per lo Sport con il Comune di Falconara Marittima e la Regione Marche.

Parteciperanno alcuni atleti che hanno preso parte alle ultime Paralimpiadi a Rio de Janeiro, fra cui Assunta Legnante (Oro nel lancio del peso), Oney Tapia (argento nel lancio del disco) e la coppia dei sogni composta dai velocisti Emanuele Di Marino e Arjola Dedaj. Alla platea presente, composta anche da alcuni disabili e ammalati dell'U.N.I.T.A.L.S.I. di Ancona Osimo, gli atleti racconteranno il loro stile di vita e come hanno superato le difficoltà di tutti i giorni fino a diventare campioni nelle rispettive discipline. Saranno presenti all'incontro anche Giuseppe Pierantozzi, presidente della Sezione dell'U.N.I.T.A.L.S.I. Marchigiana, e Silvana Ferracci, presidente della sottosezione dell'U.N.I.T.A.L.S.I. di Ancona-Osimo.

«Sarà — dichiara Giuseppe Pierantozzi, presidente della Sezione dell'U.N.I.T.A.L.S.I. Marchigiana — un'occasione unica per incontrare questi atleti che nonostante le difficoltà che una persona con disabilità deve affrontare ogni giorno, delle quali spesso fatichiamo anche a renderci conto, sono riusciti a realizzare il loro sogno e a primeggiare nello sport. Per noi unitalsiani sarà importante ascoltare le loro testimonianze dirette di come la disabilità non vada vissuta come un problema, ma come un'opportunità». 

«Ringraziamo — aggiunge Silvana Ferracci, presidente della sottosezione dell'U.N.I.T.A.L.S.I. di Ancona-Osimo — gli amici del "Gruppo Amici per lo Sport" per averci coinvolto in questa iniziativa e permesso di incontrare questi atleti che sono davvero degli eroi, oltre che dei grandi campioni. Ascoltare le loro testimonianze è un arricchimento che ci permette di valutare in maniera diversa le nostre vite e quelli che pensiamo essere ostacoli insormontabili". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Campioni nello sport, eroi nella vita", incontro con gli atleti paralimpici di Rio

AnconaToday è in caricamento