«Anconitana, devi tornare a vincere». Marconi suona la carica, aspettando Mastronunzio

Al Del Conero domenica tornerà l'ex bomber con il suo Montefano. Il presidente biancorosso: «Vorrà farci uno scherzetto, ma noi abbiamo bisogno dei tre punti»

Mastronunzio e Marconi in una foto della scorsa stagione

«Non lascerò nulla di intentato: i tifosi stiano tranquilli, non ci faremo trovare impreparati se ci sarà bisogno di intervenire sul mercato. Ma da qui a dicembre ci sono 4 partite, dobbiamo pensare a fare più punti possibile e tornare a vincere». Suona la carica il presidente biancorosso Stefano Marconi che esclude ancora una volta ribaltoni - mister Ciampelli non si tocca - ma chiede alla squadra di mandare un segnale forte al campionato dopo che nelle ultime 6 partite è arrivato un solo successo.

Occhio al mercato

C’è del buono, secondo il numero uno dell’Anconitana, nel pareggio strappato all’85’ a Senigallia grazie a una punizione del solito Trombetta. «E’ stata una gara combattuta, giocata alla pari e a differenza di altre occasioni ho visto una squadra combattiva - ha spiegato Marconi, intervenuto ieri su Radio Tua -. Nel finale, infatti, avremmo anche potuto vincerla, ma devo riconoscere che il pareggio è stato il risultato più giusto. Avevo chiesto una prova di temperamento, alcuni hanno risposto alla grande, come Visciano, Trombetta e Magnanelli, altro un po’ meno. Ma una reazione c’è stata. Resto dell’idea che abbiamo costruito una squadra importante per l’Eccellenza, tant’è che ci sono arrivate richieste dalla D per alcuni giocatori, ma dobbiamo dare tempo al tempo: se l’allenatore lo riterrà opportuno, interverremo sul mercato, secondo le sue indicazioni. Di sicuro non prenderemo svincolati, ma aspetteremo dicembre: le cose possono cambiare, anche i moduli e i pareri su certi giocatori, tant’è che abbiamo ipotizzato un piano B nel caso in cui le cose non dovessero andare in un certo verso. Ma questo è il momento di compattarsi e tornare a vincere: mi aspetto una reazione immediata, trovando una soluzione al problema delle palle-gol perché purtroppo ne costruiamo poche». Lo dimostra il fatto che nelle ultime due partite la sconfitta è stata evitata in extremis solo grazie a due prodezze di Borghetti (rovesciata super contro il Castelfidardo) e Trombetta (punizione dell’1-1 a Senigallia).

Mastronunzio, il ritorno 

E domenica al Del Conero arriverà il Montefano di Salvatore Mastronunzio che di gol, quest’anno, ne ha già fatti 5. «So che con la sua nuova squadra sta facendo bene, ma mi auguro che non faccia bene qua - ha detto Marconi -. Immagino che si impegnerà per farci uno scherzetto, ma abbiamo bisogno dei tre punti e dobbiamo vincere a tutti i costi questa partita che per noi è troppo importante, a prescindere da Mastronunzio». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima il gelato al bar, poi la "società" per il gratta e vinci: due clienti vincono 10mila euro

  • Cadono calcinacci dalla galleria, torna regolare la viabilità sulla Statale 16

  • Dramma al cantiere, la gru si ribalta: muore operaio 59enne

  • Crolla una parte del controsoffitto dopo il temporale, la palestra chiude

  • «Vi faccio ammazzare dalla mafia», si presenta sotto casa di ex e figlia con la mazza

  • Allagamenti, alberi caduti e case isolate: oltre 50 richieste di aiuto e non è finita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento