rotate-mobile
Politica

Crisi energetica, oltre 20 associazioni a Palazzo delle Marche

L’iniziativa voluta dal Presidente del Consiglio regionale, Dino Latini, per una riflessione a tutto campo sulla situazione attuale e per raccogliere un primo pacchetto di proposte sugli interventi da effettuare

ANCONA - Soluzioni immediate e pianificazione degli interventi per il futuro affinchè la crisi energetica non diventi sempre più devastante per famiglie ed imprese. Il grido d’allarme viene lanciato dai rappresentanti di oltre venti associazioni sindacali e di categoria, chiamati a Palazzo delle Marche dal Presidente del Consiglio regionale, Dino Latini, con la partecipazione (in collegamento da remoto) del Presidente della Commissione Sviluppo economico, Andrea Putzu. «L’Assemblea legislativa – ha esordito lo stesso Latini – non può  sicuramente risolvere il problema, ma può essere un punto di riferimento certo per fare in modo che a livello nazionale ed europeo vengano adottate tutte le misure ritenute necessarie. Dobbiamo prestare la massima attenzione nei confronti di una situazione emergenziale complessa, che ha già dato vita a numerose proteste, per fortuna ancora contenute in un ambito di speranza, ma che potrebbero sfociare in altro».

La lunga riflessione attivata dalle associazioni nell’ambito dell’incontro ha posto al centro dell’attenzione numerose problematiche ed altrettante proposte. Al primo posto, ovviamente, gli aiuti ed i sostegni a famiglie ed imprese, ma anche la necessità di intervenire sulla normativa vigente e di procedere ad una seria sburocratizzazione per quanto riguarda gli strumenti e le opportunità inerenti il passaggio all’energia rinnovabile.  Attenzione anche nei confronti dello sfruttamento delle risorse interne e per l’incentivazione delle Comunità energetiche, il tutto sorretto da una nuova cultura da mettere in atto proprio per quanto concerne il futuro della stessa energia. Da ultima, ma non per importanza, la questione legata al fenomeno della speculazione ormai conclamata a diversi livelli.

Il Presidente Latini, parlando di “un primo incontro interlocutorio”, ha raccolto tutte le indicazioni emerse da condividere con il Presidente della Giunta regionale e con gli assessori competenti, ipotizzando la concretizzazione di un tavolo di confronto sui problemi dell’energia. Ha anche annunciato la presentazione di una specifica mozione dove inserire le indicazioni scaturite dal dibattito e anche ulteriori approfondimenti come lo sgancio dei prezzi dal Ttf  di Amsterdam.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi energetica, oltre 20 associazioni a Palazzo delle Marche

AnconaToday è in caricamento