Elezioni 2013: Giorgia Meloni per "Fratelli d'Italia" nelle Marche

Giorgia Meloni ieri ha fatto tappa ad Ancona, all'Hotel City, dove ha presentato i candidati e il programma del nuovo movimento di centrodestra Fratelli d'Italia. Tra le tante, ha parlato di fisco, impresa e valori

Giorgia Meloni

Ho fatto battaglie per le preferenze, per le primarie anche per i Parlamentari, ho fatto battaglie sull'onestà dei nostri rappresentati, ritenendo che il partito dovesse dare messaggi chiari su quelli che sbagliavano e che tradivano le loro idee. Ho perso tante di quelle battaglie e, quando ne ho perse troppe, ho capito che quella non era la mia casa". Ecco come Giorgia Meloni ha semplificato la sua uscita dal Pdl e la nascita di Fratelli d'Italia. Oggi era ad Ancona, all'Hotel City per incontrare gli anconetani. Con lei al tavolo c'era anche Stefano Benvenuti Gostoli (già consigliere comunale di Ancona), Ivana Ballante (5° in lista dei candidati alla Camera e vice sindaco di Filottrano), Carlo Ciccioli (già Deputato e 2° in lista dei candidati alla Camera) e Lorenzo Rabini (14° candidato in lista per la Camera e consigliere comunale a Camerano). La Meloni è arrivata con più di un'ora di ritardo, ma nel suo intervento ha decisamente recuperato tutto il tempo perso, parlando a ruota libera.

Credibilità della politica. Facendo riferimento ad alcuni casi, che in passato hanno scosso l'ambiente del centrodestra, come quello di Batman Fiorito, la Meloni ha detto: “Vorrei un movimento dove non ti devi vergognare dei tuoi compagni di viaggio”. Il punto 4 del loro programma infatti è “restituire la credibilità alla politica”. Come? Nessuna possibilità per chi viene condannato per corruzione o peculato, abolizione delle liste elettorali bloccate, rafforzamento dei poteri dell'esecutivo e dimezzamento dei parlamentari.

Giovani. Più spazio per loro. La Meloni ha più volte chiamato in causa Matteo Renzi. Sull'altra sponda, ma anche lui, per la Meloni, trattato con troppa sufficienza in una “Italia governata ormai da ultrasettantenni”. E ha rilanciato: “Io ho 36 anni, Carlo Magno a 36 anni aveva conquistato la Persia. Oggi invece a 36 anni sei considerato un incapace di intendere e di volere”. Più famiglia con un quoziente familiare che agevoli le coppie nel fare figli.

Alleanze e Fisco. Né con la sinistra, né con Monti. Quindi il Pdl? La Meloni non lo ha detto, ma la ricetta fiscale è la stessa: taglio della spesa pubblica, puntando sulla crescita economica con un percorso di liberalizzazioni. Abrogazione dell'imu sulla prima casa. Ma soprattutto riforma costituzionale, per introdurre un limite massimo di pressione fiscale su famiglie e imprese. Proprio riferendosi al professore, la leader di Fdi ha detto: “Hanno pensato di poter mettere a posto il bilanci con le tasse. Ma se tu moltiplichi la tassazione su un'economia ferma, ti ritrovi a tassare la povertà”.  Il programma prevede anche la riduzione del cuneo fiscale per le aziende.

Ha parlato anche Carlo Ciccioli, che ha puntato molto sulla necessità di aiutare le aziende del territorio. Questo per lui è ben rappresentato dalla lista: “E' tutta marchigiana. Tutte persone presentabili e che godono di stima ne loro ambiente”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulle difficoltà economiche delle Pmi anconetane è intervenuto anche Marco Cucculelli, candidato alla camera e piccolo imprenditore. “Il problema più grosso sono le banche dati e la Crif. Praticamente l'imprenditore viene segnalato come cattivo pagatore. Una volta segnalati alla banca dati, non si ha più accesso al credito legale. C'è chi si è suicidato e chi tiene duro. Noi siamo trattati come gli appestati. Insieme a fratelli d'Italia abbiamo messo a punto l'idea di fare un dipartimento. Si tratta di raccogliere regionalmente le richieste di imprenditori, che hanno un futuro, perchè sani di idee, portarli ad un tavolo politico tra l'Abi, Banca d'Italia e dipartimento, mettere il problema sul tavolo e risolverlo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima il gelato al bar, poi la "società" per il gratta e vinci: due clienti vincono 10mila euro

  • Cadono calcinacci dalla galleria, torna regolare la viabilità sulla Statale 16

  • Dramma al cantiere, la gru si ribalta: muore operaio 59enne

  • «Vi faccio ammazzare dalla mafia», si presenta sotto casa di ex e figlia con la mazza

  • Allagamenti, alberi caduti e case isolate: oltre 50 richieste di aiuto e non è finita

  • Terribile schianto in autostrada, donna si ribalta con l'auto: atterra l'eliambulanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento