Omicidio di Collemarino, la parte civile chiede 2 milioni di euro

Ha formalizzato una richiesta di risarcimento di 2 milioni di euro la parte civile del processo di Luca Giustini. Stamattina si è tenuta un'udienza Gup di fronte al giudice Paola Moscaroli che ha rimandato a nuova seduta

Luca Giustini

Ha formalizzato una richiesta di risarcimento di 2 milioni di euro la parte civile del processo di Luca Giustini, il papà killer che uccise la figlia di 18 mesi a coltellate. Stamattina si è tenuta un’udienza Gup di fronte al giudice Paola Moscaroli, che ha rinviato al prossimo 14 aprile perché dovrà essere ascoltato lo psichiatra Renato Ariatti, il consulente della Procura secondo il quale il ferroviere di 35 anni è totalmente infermo di mente e socialmente pericoloso per una grave forma di dissociazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dunque nella prossima occasione bisognerà avere un quadro definitivo du due aspetti che riguardano il futuro dell’imputato, difeso dall’avvocato Alessandro Scaloni. Il primo  sarà capire se anche attualmente Luca Giustini sia incapace di intendere di volere e l’effettiva pericolosità sociale.  Secondo se la struttura dell’ospedale psichiatrico giudiziario sia adatto per il caso in questione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Asteroide in arrivo, lo vedremo dal balcone: «Il vero spettacolo però sarà la cometa»

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Storico macellaio e uomo generoso, Furio è morto di Covid: «Il tampone fatto troppo tardi»

  • Una passeggiata da 400 euro, primo pedone "fuori quartiere" multato dalla polizia

  • Il rubinetto diventa flussimetro per respiratori, l'invenzione dei cardiologi in un tutorial

  • La terra torna a tremare, scossa di terremoto registrata ad Ancona

Torna su
AnconaToday è in caricamento