La magia del castello di Babbo Natale e le luci dell'albero, il Natale a Genga entra nel vivo

Non solo Natale: la Compagnia degli Arcieri Storici di Fabriano, gli artisti di strada, i laboratori didattici per i più piccoli e gli stand di street food

Presepe vivente di Genga

Il Natale a Genga entra nel vivo. Oggi l'atmosfera del periodo più suggestivo dell'anno arriverà nella piazza dell'antico borgo nel cuore di Frasassi. Una festa per le famiglie che coinvolgerà tutto il pomeriggio, dalle 15,30 alle 21. Dall'apertura del castello di Babbo Natale all'accensione dell'albero di Natale. E ancora: la Compagnia degli Arcieri Storici di Fabriano, gli artisti di strada, i laboratori didattici per i più piccoli e gli stand di street food. Un appuntamento di grande fascino che saprà conquistare i turisti in visita a Frasassi, oltre ai tanti cittadini che non mancheranno di far sentire la loro presenza. Con il sottofondo delle musiche di Natale, e con la compagnia di curiosi folletti, Babbo Natale sarà felice di ricevere tutti i bambini che vorranno consegnargli la letterina con la richiesta dei regali. Una grande festa per tutte le famiglie, che si terrà oggi (7 dicembre) in piazza San Clemente nel borgo di Genga a partire dalle 15,30.

Magia e tradizione per un evento che trasporterà tutti i presenti in un'atmosfera sospesa nel tempo. Infatti, ad impreziosire le attrazioni, ci saranno anche gli arcieri della Compagnia Arcieri Storici di Fabriano per insegnare ai più piccoli una delle arti più antiche del territorio. E a rendere ancor più movimentato l'intrattenimento ci penseranno gli artisti di strada del gruppo Lo Showroom dello Spettacolo con le loro strabilianti acrobazie.

«Quest'anno il Natale a Genga si arricchisce di eventi mai proposti fino ad ora – afferma il sindaco Marco Filipponi – un segnale importante che quest'amministrazione vuole dare, per rendere ancor più attrattivo questo territorio già di per sé suggestivo, in un'ottica di sviluppo turistico della destinazione Frasassi».

«La valorizzazione del territorio si esprime anche tramite lo spirito di certe iniziative – commenta il vicepresidente del Consorzio Frasassi, Lorenzo Bruzacca – per questo abbiamo voluto affiancare le nostre tradizioni alle proposte di Natale per le famiglie. In quest'ottica abbiamo inserito la mostra dei Presepi Artistici, le dimostrazioni della Compagnia degli Arcieri Storici di Fabriano, e tante altre attrazioni che ben rappresentano le peculiarità di questa parte della regione».

Tra le tante proposte, non mancheranno i laboratori didattici per i più piccoli con i ragazzi della Compagnia La Valigia delle Meraviglie. E appena il sole sarà tramontato, l'accensione delle luci dell'albero di Natale allestito in Piazza San Clemente. A rendere il clima ancor più festoso, gli stand di street food, birreria artigianale, vin brulè e caldarroste. In più l'immancabile mostra dei presepi artistici, già partita a novembre e epresente fino a gennaio. Poi il 22 dicembre sarà anche tempo di mercatini con il Mercatino di Natale a San Vittore Terme, dalle 10 alle 20 (Ingresso gratuito). 

Il presepe vivente

Al Santuario della Madonna Infra Saxa / Tempio del Valadier, il 26 e 29 dicembre, dalle 14,30 alle 18,30. Ingresso 7,50, gratuito fino a 10 anni.

Torna anche quest'anno l'attrazione più importante del territorio. Il Presepe Vivente di Genga giunge alla sua 36esima edizione. Un evento che, ogni anno, conduce a Frasassi oltre 10mila visitatori. Il presepe vivente di Genga è per estensione il più grande al mondo. Copre, infatti, una superficie di circa 30.000 metri quadri all’interno della Gola di Frasassi. Il presepe nasce nel 1981 da un’idea di alcuni gengarini, e da allora gli "Amici del presepe" organizzano due rappresentazioni l’anno. Il grande lavoro di allestimento è svolto con passione ed intelligenza dagli abitanti di Genga che mettono a disposizione tempo, capacità e competenza per far rivivere l’evento che ha cambiato la storia del mondo. La manifestazione vede la partecipazione di circa 300 figuranti che sono impegnati a far rivivere le tradizioni che hanno sostenuto ed animato la vita quotidiana di questo territorio. Lungo il sentiero che porta alla Natività, pastori, pescatori, contadini intenti al loro lavoro scandiscono la salita verso la contemplazione dell’evento che si celebra. Ma la grande particolarità, che impreziosisce ulteriormente la meravigliosa rappresentazione, è la cura e l'attenzione con cui sono realizzati tutti i costumi. Infatti non solo sono stati prodotti dopo un accurato studio sulle vesti che venivano utilizzate all'epoca, ma sono altresì ispirate alle tele di Gentile da Fabriano riguardanti la Natività e il tema religioso. Una volta giunti alla grotta naturale del Santuario di Frasassi troviamo esperti artigiani: falegnami, fabbri, cestai, fornai, calzolai, scultori, vasai, ricamatrici e tessitrici. Tutti con gli antichi strumenti della loro arte. Il presepe vivente di Genga, che in oltre trent'anni è stato visitato da più di 380.000 persone, si connota di una valenza solidaristica poiché devolve gli incassi in iniziative di beneficenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le agevolazioni

Con il biglietto d'ingresso al Presepe Vivente verrà consegnato un coupon sconto di 3 euro sulla visita alle Grotte di Frasassi, valido per tutto il 2020. Con il biglietto d'ingresso alle Grotte di Frasassi, oltre al consueto accesso gratuito ai musei Speleo- Paleontologico di San Vittore e “Arte, Storia, Territorio” di Genga, si potrà visitare gratuitamente la Mostra dei Presepi Artistici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento