Eventi

San Valentino, l'appello della Coldiretti: “Regalate fiori Made in Italy”

Secondo un sondaggio Coldiretti quasi un innamorato su tre (32%) regalerà fiori, che si confermano come l'omaggio preferito rispetto a cioccolatini o dolciumi (19%), a profumi o gioielli (6%), a capi di abbigliamento (4%)

"Per San Valentino regalare un fiore made in Italy aiuta salvare l’ambiente oltre a rappresentare un gradito dono per il proprio partner". Questo l’invito di Coldiretti Marche in vista della tradizionale festa degli innamorati, dove si stima che a livello nazionale verranno spesi in omaggi floreali circa 75 milioni di euro.

Nelle Marche, secondo un’analisi Coldiretti sui dati Istat, le aziende agricole che coltivano fiori sono poco meno di 300, con una superficie coltivata di circa 200 ettari. Le rose e le altre essenze nostrane durano di più e sono più profumate perché non devono affrontare lunghi tempi di viaggio che fanno arrivare quelli stranieri meno freschi alla meta, con i conseguenti costi in termini di inquinamento.

Il rischio è però di acquistare senza saperlo prodotti provenienti da Thailandia, Brasile, Perù o, per le rose, Kenia, che diventano comunitari grazie a triangolazioni commerciali con l’Olanda e invadono i mercati europei ed italiani grazie anche all’assenza dell’indicazione d’origine.

Secondo un sondaggio della Coldiretti, per San Valentino quasi un innamorato su tre (32%) regalerà comunque proprio i fiori che si confermano come l’omaggio preferito rispetto ai cioccolatini o agli altri dolciumi (19%), ai profumi o gioielli (6%), ai capi di abbigliamento (4%).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Valentino, l'appello della Coldiretti: “Regalate fiori Made in Italy”

AnconaToday è in caricamento