Lunedì, 14 Giugno 2021
Economia

Stop alle sanzioni all'Iran ma l'export Marche ha perso il 60% in 10 anni

Export a - 60% per le aziende marchigiane nel mercato iraniano. Ora però, con lo stop alle sanzione le aziende tornano alla carica. Coldiretti: «Picco massimo nel 2007 con 38,6 milioni»

Dal 2006 a oggi l'export marchigiano diretto in Iran ha perso il 60%. Colpa delle sanzioni contro il programma nucleare iraniano che ha portato al'embargo economico. Si è passati dai 38,6 milioni di euro del 2007 ai circa 14,3 del periodo da gennaio a settembre. Dopo l'accordo di Vienna e, ora, l'arrivo del presidente Hassan Rohani a Roma, da Coldiretti Marche arriva l'auspicio di poter tornare ai livelli del passato.

«Aspettative ci sono non solo per le apparecchiature elettriche, che rappresentavano la prima voce dell’export davanti a macchinari, metalli e chimica, ma anche per tessile, mobile ed agroalimentare. L’eliminazione delle sanzioni - secondo Coldiretti - porterà, infatti, a un miglioramento della congiuntura economica iraniana che incide direttamente sui consumi di cibo dove è facile prevedere per i prossimi anni una crescita delle vendite di beni alimentari d’importazione. Una aspettativa giustificata dal crescente appeal che gli stili occidentali suscitano nei consumatori iraniani soprattutto tra la classe media ed i giovani e anche dalla prossima apertura di nuovi ipermercati di stampo occidentale sul territorio iraniano».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop alle sanzioni all'Iran ma l'export Marche ha perso il 60% in 10 anni

AnconaToday è in caricamento