Impatto del coronavirus nelle imprese anconetane, Cna: «Quadro desolante»

«I giudizi sull'operato del Governo - si legge in una nota CNA - nella fase uno è netto e poco edificante, in particolare per quanto concerne il credito e la liquidità, che per il 40% di loro è da bocciare nettamente»

Santini (CNA)

Oltre il 70% delle aziende anconetane oggetto dell'indagine condotta dalla CNA Nazionale e calata nel territorio locale nella fase emergenziale hanno sospeso completamente l'attività e il restante 29,4% di coloro che ha lavorato l'ha fatto con consegna a domicilio (6,7%) e a seguito della comunicazione al Prefetto (4,9%). Infine il 17,8% di loro non ha mai smesso di lavorare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«I giudizi sull'operato del Governo - si legge in una nota CNA - nella fase uno è netto e poco edificante, in particolare per quanto concerne il credito e la liquidità, che per il 40% di loro è da bocciare nettamente. Per almeno uno su quattro male anche le procedure per la moratoria sui finanziamenti, la sospensione dei versamenti fiscali e contributivi e gli ammortizzatori sociali. Il tasto dolente resta però il credito, poiché basta pensare che solo il 27,7% ha ottenuto la moratoria sui finanziamenti e il resto non ne ha beneficiato o ha deciso di soprassedere, dopo aver ponderato negatività e le complessità. Peggio ancora per il credito bancario garantito dallo Stato, a cui ha tentato di ricorrere il 60% delle imprese di cui 2/3 di esse per la soglia sotto i 25mila euro. Di queste ad oggi ben il 95,6% non hanno ancora avuto risposta, allo 0,8% è stato accordato meno di quanto avevano chiesto ed appena il 3,6% sono stati interamente soddisfatti. Il 53% delle imprese ha fatto ricorso agli ammortizzatori sociali con sospensione a zero ore e il 12,7% di loro ha anticipato l'importo ai loro dipendenti. Il settore della moda (84,5%), il legno e arredo (77,5%) e il commercio (64,2%) hanno attinto pesantemente dalla cassa integrazione, a differenza dei servizi alle imprese (17,5%), i quali hanno fatto viceversa un forte ricorso allo smart working (42,1%), contro una media del campione indagato del 12,3%».  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, malore mentre si trova in acqua: muore un 69enne

  • Addio Tiziana, sconfitta da un male spietato: una vita dedicata al suo ristorante

  • Cadono calcinacci dalla galleria, torna regolare la viabilità sulla Statale 16

  • Dramma al cantiere, la gru si ribalta: muore operaio 59enne

  • Crolla una parte del controsoffitto dopo il temporale, la palestra chiude

  • Auto contro bici, investimento-choc: ragazzino portato in codice rosso all'ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento