Politica

"Modello Marche", Bora (Pd): «Sta distruggendo il tessuto economico, sociale e sanitario della nostra Regione »

La consigliera regionale Pd, Manuela Bora, punta il dito contro il "modello Marche" del centrodestra

ANCONA - La consigliera regionale Pd, Manuela Bora, punta il dito contro il modello Marche. «Ricordate il 2020? La pandemia COVID e il conseguente lockdown avevano messo a dura prova l’economia marchigiana. Le chiusure avevano comportato gravi problemi in alcuni settori produttivi: penso al commercio, ai trasporti, al turismo. La Giunta Ceriscioli in pochi giorni mise in campo due provvedimenti di fondamentale importanza che letteralmente salvarono dal fallimento tantissime imprese e permisero di sostenere le famiglie. Innanzitutto, venne approvata la legge 13/2020 (di cui sono stata prima firmataria) per rendere più accessibile, immediato e conveniente l’accesso  al credito tramite i confidi regionali con un fondo di garanzia di 4 milioni di euro. Inoltre, vennero stanziati 210 milioni di euro di contributi a fondo perduto, il cosiddetto “bazooka”»

«Anche grazie a questi provvedimenti tempestivi, già a giugno le Marche tornavano a crescere. Con la Giunta Acquaroli assistiamo invece all’inerzia e al disinteresse per la sorte dei cittadini e delle imprese marchigiane- continua la consigliera- si parla di caro bollette dall’autunno del 2021. I primi provvedimenti del Governo Draghi risalgono al Dicembre dell’anno scorso, e si sono  poi susseguiti vari aiuti per tamponare una situazione ormai insostenibile. È passato quasi un anno, e ad oggi la Giunta Acquaroli non ha stanziato nulla, nemmeno un euro. Il confronto con il passato è impietoso: 210 a 0 per la tanto vituperata Giunta Ceriscioli. Pensate che l’opposizione di allora, con Mirco Carloni in testa, ci criticava perché 210 milioni erano troppo pochi. Caro Carloni, ora non  riesci a mettere neanche un euro a disposizione di famiglie e imprese: sono meno di troppo pochi, sono il nulla assoluto. Ma che vi importa? Tanto sei già sulla rampa di lancio per Roma. Questo è il “modello Marche”: non solo regressivo a oscurantista sul piano dei diritti, ma anche fallimentare sul piano della gestione amministrativa,  visto che sta distruggendo il tessuto economico, sociale e sanitario della nostra regione. Il modello che la Meloni vorrebbe esportare al governo del Paese». 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Modello Marche", Bora (Pd): «Sta distruggendo il tessuto economico, sociale e sanitario della nostra Regione »
AnconaToday è in caricamento