Lega in piazza contro Mangialardi: «Fermiamo il collezionista di poltrone»

La Lega scenderà in tutte le piazza delle Marche con una raccolta firme per chiedere le dimissioni di Mangialardi

Foto di repertorio

Il prossimo 27 e 28 giugno la Lega scenderà in tutte le piazza delle Marche con una raccolta firme per chiedere le dimissioni di Mangialardi da tutti gli incarichi istituzionali, in particolare dalla Presidenza regionale di Anci, l’associazione nazionale dei comuni, che è un organismo super partes senza connotazione politica. Lo conferma il commissario della Lega Marche l'onorevole Riccardo Augusto Marchetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In questa occasione, la prima dopo il lockdown, la Lega darà il via anche alla campagna di tesseramento 2020. Saremo in tutte le piazze della Regione per chiedere al candidato governatore della sinistra, Maurizio Mangialardi, di dimettersi da tutti gli incarichi istituzionali che riveste. Il candidato della sinistra alle elezioni regionali infatti, oltre a essere sindaco di Senigallia, è attualmente presidente regionale di Anci, presidente unione dei comuni della Marca Senone, Presidente della conferenza dei sindaci area vasta e Presidente ambito territoriale sociale. Per questa ragione  chiederemo a tutti i cittadini delle Marche di fermare con una firma il "collezionista di poltrone" Mangialardi impedendogli di utilizzare il suo ruolo superpartes, ottenuto con il consenso di tutti i sindaci marchigiani, come vetrina per la campagna elettorale da governatore di parte appoggiato dalla sinistra. Molti sindaci e amministratori locali in queste settimane ci hanno manifestato il loro disappunto rispetto a questo conflitto di interesse che inficia la credibilità di un organismo istituzionale e di garanzia come è ANCI - ha concluso il Commissario della Lega Marche - pertanto deve essere al più presto risolto, al fine di evitare continue passerelle nei territori in questa doppia veste».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Addio all'architetto D'Alessio, ex assessore: era presidente del Parco del Conero

  • Covid-19, nelle Marche impennata di ricoveri e pazienti in terapia intensiva

  • Droga in casa, bimbo ingerisce cocaina e va in ospedale: genitori e nonni in arresto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento