Elezioni Regionali, alle urne ai tempi del Covid: come vota chi è in quarantena

Le indicazioni del Ministero della Salute per gli elettori in isolamento fiduciario, quarantena o assistito nei reparti Covid

Foto tratta da CGTN

In tutti i seggi l'elettore, dopo essersi recato in cabina ed aver votato e ripiegato la scheda, provvede ad inserirla personalmente nell'urna. Il MInistero della salute ha definito però delle precise linee guida per chi si trova in quarantena, isolamento fiduciario o è assistito nei reparti Covid (Leggi il decreto completo).

Sezioni elettorali in strutture Covid

Nelle strutture sanitarie con almeno 100 e fino a 199 posti-letto, che ospitano reparti COVID-19 sono costituite le sezioni elettorali ospedaliere. In caso di accertata impossibilità alla costituzione della sezione elettorale, il sindaco può nominare, come componenti dei medesimi, personale delle Unità speciali di continuità assistenziale regionale (USCAR), designati dalla competente azienda sanitaria locale. In subordine, con attivazione dell'autorità competente, soggetti iscritti all'elenco dei volontari di protezione civile che sono elettori del comune. La nomina può essere disposta solo previo consenso degli interessati. 

Elettori in quarantena 

Gli elettori sottoposti a trattamento domiciliare, in condizioni di quarantena o di isolamento fiduciario per COVID-19 sono ammessi al voto presso il Comune di residenza. Questi elettori devono far pervenire al sindaco, con modalità individuate dallo stesso ente, in un periodo compreso tra il decimo e il quinto giorno antecedente quello della votazione, la seguente documentazione: 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • una dichiarazione attestante la volontà di esprimere il voto presso il proprio domicilio e recante l'indirizzo completo di questo; 
  • un certificato, rilasciato dal funzionario medico designato dai competenti organi dell'azienda sanitaria locale, in data non anteriore al quattordicesimo giorno antecedente la data della votazione, che attesti l'esistenza delle condizioni.

Leggi la circolare del Ministero della Salute

L'ufficiale elettorale del comune di iscrizione nelle liste elettorali, sentita l'azienda sanitaria locale apporta l’apposita annotazione sulle liste stesse, così da inserire l’interessato negli elenchi degli ammessi al voto domiciliare. 
L’elettore viene dunque assegnato alla sezione elettorale ospedaliera più vicina al domicilio. Il voto viene raccolto durante le ore in cui è aperta la votazione. Viene assicurata, con ogni mezzo idoneo, la libertà e la segretezza del voto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento