Verso le Regionali 2020, un appello di 16 consiglieri comunali per un'assemblea pubblica

Vogliono rendere le Marche un posto dove si vive volentieri e con dignità, una regione che contribuisca alla rinascita della democrazia in Italia e in Europa

La locandina dell'appello

Vogliono rendere le Marche un posto dove si vive volentieri e con dignità, una regione che contribuisca alla rinascita della democrazia in Italia e in Europa. Da qui l'appello di 16 consiglieri comunali delle Marche, tra cui l'anconetano Francesco Rubini, per incontrarsi insieme, ad Ancona, domenica 13 Ottobre alle ore 9, al circolo Germontari in Via Colleverde, 2. 

"Come donne e uomini presenti nei consigli comunali delle Marche conosciamo bene i gravi problemi dovuti alla mancanza di un intervento strategico da parte del governo della Regione. La negazione del diritto alla ricostruzione e a una vita decente, a danno di chi ha subito il terremoto, è il simbolo di questa inadempienza. Lo stato della sanità e dei servizi sociali ne è la conferma, come pure la mancanza di un progetto per il rilancio dell’economia. Noi siamo convinti che la nostra potrebbe essere una comunità solidale, equa, dotata di un’economia trasformativa che genera lavoro, che tutela i diritti e gli equilibri della natura. Per questo, intendiamo impegnarci per costruire un movimento di persone, associazioni, reti, comunità che, al di là dei verticismi di partito, alle prossime elezioni regionali del 2020 vuole offrire a chi dovrà votare una scelta non per il “male minore” ma per una liberazione concreta dalla trappola dell’intreccio tra destre nocive e finta sinistra, come quella che ha guidato la nostra Regione negli ultimi anni. Destra è l’organizzazione politica dell’egoismo. È il respingimento dei diritti di chi lavora e di chi è costretto alla disoccupazione, dei giovani e delle donne, delle persone migranti e di chiunque si trovi in una situazione di fragilità. È l’inganno del sovranismo razzista. Finta sinistra significa sistematica delusione delle attese per una politica che risponde ai cittadini, appiattimento sulla logica del mercato come potere che decide sulla vita di tutte e di tutti. È l’inganno del neoliberismo globale. L’intreccio tra globalismo della finanza e nazionalismi xenofobi sta devastando la democrazia nel mondo, sta spezzando l’alleanza tra le generazioni e sta desertificando le comunità locali. L’unica coesione sociale voluta da queste politiche è la lotta contro il facile capro espiatorio individuato nelle persone migranti, nei poveri, negli esclusi.

I punti che verranno discussi nell'assemblea

Per attuare una svolta radicale noi possiamo dare un contributo importante. Deve fiorire nelle Marche una forte cultura di riqualificazione della democrazia che dia vita a un progetto-processo di trasformazione qualitativa, orientata sulle vere priorità: la revisione del piano di interventi per la ricostruzione nelle zone terremotate, concordato con i cittadini residenti, per velocizzare e adeguare i provvedimenti alle esigenze della popolazione; un piano di collaborazione con le istituzioni educative e di ricerca (scuole, università, associazioni giovanili e di volontariato) in modo che l’infanzia e i giovani nelle Marche abbiano un’attenzione speciale; una sanità pubblica che garantisca a chiunque il diritto alla salute, tagliando sì gli sprechi ma non i presidi sanitari sui territori e senza costruire megastrutture lontane dalla gran parte dei marchigiani; un sistema di servizi sociali attento alle diverse tipologie di fragilità, e dunque attento alle persoghne, che sia orientato non in senso aziendalista ma nel senso della prossimità comunitaria dove nessuno viene abbandonato; una rivoluzione metodologica che coinvolga i soggetti economici operanti nelle Marche per un’economia che valorizzi le risorse produttive, artistiche e ambientali, che difenda posti e qualità del lavoro generando opportunità occupazionali, che trovi maggiore forza (e non un limite) nella salvaguardia della natura, a partire dallo sviluppo della bioagricoltura e dalla tutela del paesaggio; un piano di inclusione democratica per le persone migranti, che traduca in forme adeguate i criteri dell’esperimento di Riace, fatto fallire proprio per la sua valenza metodologica esemplare; un sistema sapiente di riorganizzazione dei trasporti, della gestione pubblica dell’acqua e dei servizi pubblici locali.

Primi firmatari

Samuele Animali - Consigliere Comunale “Jesi in Comune” - JESI

Francesca Bompadre – Consigliera Comunale “Alternativa per Camerata”– CAMERATA PICENA

Elisa Cipriani – Consigliera Comunale “Unione per Fossombrone”- FOSSOMBRONE

Francesco Coltorti - Consigliere Comunale “Jesi in Comune” - JESI

Antonio D’Ario – Consigliere Comunale “Solidarietà-Turismo-Coesione Sociale”– PETRITOLI

Guido Ianni – Consigliere Comunale e vice sindaco - ROCCAFLUVIONE

Vittorio Maranesi – Consigliere Comunale “Solidarietà-Turismo-Coesione Sociale”– PETRITOLI

Massimo Rossi - Consigliere Comunale “Fermo Migliore” - FERMO

Francesco Rubini – Consigliere Comunale “Un’altra idea di città” - ANCONA

Agnese Santarelli - Consigliera Comunale “Jesi in Comune” - JESI

Roberta Sforza – Consigliera Comunale - RECANATI

Bruno Talamonti – Consigliere Comunale “Città in Movimento” – GROTTAMMARE

Maria Giulia Torresi – Consigliera Comunale “L’Altra Fermo”- FERMO

Giacomo Zacconi – Consigliere Comunale “Progetto Comune” – AGUGLIANO

Vittoria Trotta – Consigliera Comunale “Vivere Appignano” – APPIGNANO

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Michele Verolo - Consigliere Comunale "A sinistra per Macerata Bene Comune - Macerata

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento