Le auto più rubate in Italia e nelle Marche, i 10 modelli preferiti dai ladri

I dati nazionali e le percentuali regionali dei furti di auto

Dalla Polizia di Stato e dal Corriere della Sera arriva la classifica delle auto più rubate in Italia nel 2018. Furti aumentati del 5,25% rispetto al 2017, per un totale di 105.239 unità. Purtroppo è anche diminuita la percentuale di ritrovamento delle auto rubate scesa dal 53% del 2017 al 39,5% del 2018. Per quanto riguarda le varie Regioni d’Italia, in prima posizione c’è la Campania con 21.577 furti, troviamo poi il Lazio (19.232), la Puglia (17.818), la Lombardia (13.004) e la Sicilia (12.920). Le Regioni dove è più difficile ritrovare la propria auto rubata sono il Lazio e la Campania. 

Nelle Marche

Nelle Marche i dati registrano 777 furti di auto nel corso del 2018 con il 48,2% di recuperi. Un dato confortante rispetto alla media nazionale. Va tenuta presente però la minore estensione della regione rispetto a molte altre che la precedono in classifica

Le auto più rubate in Italia

Di seguito la classifica delle auto più rubate in Italia nel 2018:

1. Fiat Panda
2. Fiat 500
3. Fiat Punto
4. Lancia Y
5. Volkswagen Golf
6. Ford Fiesta
7. Smart Fortwo Coupè
8. Renault Clio
9. Fiat Uno
10. Opel Corsa

I SUV più rubati in Italia

Dalla Polizia di Stato arriva anche la classifica dei dieci SUV più rubati nel nostro Paese:

1. Nissan Qashqai 
2. Land Rover Range Rover
3. Land Rover Evoque
4. Toyota Rav 4
5. Kia Sportage
6. Hyundai Tucson
7. BMW X5
8. Mercedes ML
9. BMW X1
10. Mitsubishi Pajero

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento