Venerdì, 30 Luglio 2021
Eventi

Marche Teatro: concorso di scrittura teatrale, la parola chiave è "contagio"

"Prove generali di solitudine" è un concorso di scrittura teatrale della Compagnia Carrozzeria Orfeo

Marche Teatro promuove e sostiene l’iniziativa Prove generali di solitudine, un concorso di scrittura teatrale della Compagnia Carrozzeria Orfeo. Un concorso di scrittura teatrale atipico dalla durata di due mesi da maggio a luglio e composto da quattro diverse fasi autonome con cadenza bisettimanale a partire da mercoledì 13 maggio. 

Ogni due settimane, Carrozzeria Orfeo proporrà ai partecipanti una parola chiave inerente all’emergenza sanitaria che stiamo vivendo e sulla quale gli autori dovranno scrivere. «Gli stimoli non mancano - si legge nel comunicato di presentazione - dalla parola "Contagio", passando per "Solitudine", "Complottismo", "Eroi", "Pandemia", "Vaccino", "Reclusione", "Prigionia", "Ordine mondiale", "Andràtuttobene" e "Balcone": sono solo alcune delle parole che negli ultimi mesi hanno creato una sorta di nuova “cosmologia” delle nostre vite, entrando forzatamente nella nostra testa e “colonizzando” il nostro cervello che sembra non riuscire a pensare più ad altro». La prima parola chiave sarà proprio Contagio. Prove generali di solitudine vuole dar voce a tutti quei “semireclusi” che intendono raccogliere la sfida di trasformare queste parole-slogan in arte e pensiero critico. L’obiettivo primario è quello di trasformare le innumerevoli esperienze soggettive prodotte dal cosiddetto lockdown, in materiale artistico condivisibile, stimolare la comunità all’approfondimento individuale e contrastare le potenziali derive superficiali alle quali la comunicazione moderna spesso ci espone. 

«Ogni parola chiave - prosgeue il comunicato - sarà accompagnata da uno stimolo drammaturgico (un breve brano, una poesia o una riflessione) selezionato dal drammaturgo della compagnia Gabriele Di Luca; da uno stimolo musicale originale composto da Massimiliano Setti e da uno stimolo grafico proposto dall’illustratore Federico Bassi, come ulteriori spunti iniziali ai quali “aggrapparsi” per indagare al meglio il tema/parola proposto». Una volta ricevuto il materiale, gli autori avranno una settimana di tempo per inviare un monologo di massimo quattro pagine ispirandosi alla forma della stand-up comedy che durante la settimana successiva sarà valutato da una Giuria interna formata dagli attori e dai collaboratori di Carrozzeria Orfeo (Angela Ciaburri, Beatrice Schiros, Aleph Viola, Paolo Li Volsi, Alessandro Federico, Francesca Turrini, Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Raffaella Ilari, Natascia Sollecito Mascetti) e presieduta di volta in volta da una personalità del mondo dello spettacolo: Luca Zingaretti, Vinicio Marchioni, Paola Minaccioni, Lino Guanciale. Ogni due settimane sarà decretata una terzina di vincitori che riceverà un Premio in denaro. Al termine ai dodici finalisti, compatibilmente con i prossimi decreti ministeriali, sarà chiesto di sviluppare ulteriormente i propri testi in vista di una futura messa in scena. I testi vincitori di ciascuna fase saranno pubblicati sulla rivista online PAC Paneacquaculture.net. Si può scaricare dal sito di Marche Teatro il programma completo di regolamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marche Teatro: concorso di scrittura teatrale, la parola chiave è "contagio"

AnconaToday è in caricamento