Festival, AdMed torna in streaming con il progetto Refresh per le nuove generazioni

Al via il laboratorio-seminario attraverso il quale mettere a confronto stili musicali differenti

Il musicista Gabriele Pesaresi

Il festival Adriatico Mediterraneo non ferma la sua attività e lo fa grazie al contributo ottenuto dal progetto Refresh, lo spettacolo delle Marche per le nuove generazioni. L'evento è a cura di Cms Consorzio Marche Spettacolo, in collaborazione con Ancona Jazz e Filarmonica Marchigiana-Form, e prevede per giovedì 3 dicembre, alle ore 17.30, una diretta Facebook sulla pagina del festival. Dunque prende il via un laboratorio-seminario attraverso il quale mettere a confronto le affinità e le differenze degli stili musicali, le influenze, le contaminazioni, le specificità di ognuno. Il workshop prevede una parte di spiegazione dei tre generi musicali da approfondire, il jazz, la musica classica e quella popolare, oltre a una parte pratica con esempi musicali e un momento finale con degli ascolti guidati. Tra i docenti: Giovanni Seneca, chitarrista e compositore di fama internazionale, Anissa Gouizzi, cantautrice e interprete e i musicisiti Gabriele Pesaresi e Michele Scipioni.


Questo progetto vuole fornire ai giovani un piccolo contributo di innovazione che possa allargare i loro  orizzonti musicali, considerando la possibilità che i generi musicali possano fondersi felicemente tra di loro e che uno stesso strumento possa passare da un genere all’altro.
La partecipazione al workshop è gratuita e aperta a tutti, anche ai non professionisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

Torna su
AnconaToday è in caricamento